mercoledì 11 novembre 2015

Il bisogno della causa.

 
Vertice (causa) apparente (mancante) della piramide.
Abbiamo bisogno della causa”.
11:00 AM
Tu sai qualcosa d’insieme, relativamente al reale manifesto e anche “più in là”, dentro di te; qualcosa del quale “non te ne fai nulla”, perché ti sembra allo stesso tempo “vero e falso” e, dunque, alla luce dello status quo, sopra a tutto, falso. Perché?
Per "convenienza" tua, ossia, per tacito consenso verso una realtà convenzionale che non ti lascia spazio alcuno, per affermare le tue “idiozie”.
Pertanto, idiozia diventa tutto quello che “sai dentro di te e che non hai il coraggio di esternare, se non per scrivere romanzi di fantascienza, dai quali estrapolare film di  fantascienza”…
Non è, in un solo termine, opportuno (per te) sostenere di credere a fondo in quello che “senti”; una percezione basata sugli effetti collaterali della manifestazione del reale attuale (fatti), che hai maturato vivendo nel corso della “tua” Vita “qua, così”.
Visto che “non sei stupido/a” ma che, al limite, sei “istupidito/a” (reso/a stupido/a dal modello di paradigma che “ti ha”)… è gioco forza accorgerti che “il tuo sentire è davvero tuo” e che “ciò che ti impedisce di esprimerti a fondo, con coerenza, in totalità, è parte in causa relativamente a questo tuo sentire tanto particolare”.
Perché la realtà sostanzialmente è ingiusta e non cambia mai, nonostante ogni buon proposito ad ogni “campagna elettorale”?
  
Perché “squadra che vince non si cambia”. No?
Ma, per essere vera questa massima, dovrebbe esistere – allora – la “squadra vincente”. Tu la “vedi”? Tu la riesci a “vedere”? No.
Perché fa parte della strategia.
Però tu la “senti”. Vero?
È proprio il discorso precedente. Tu la percepisci nonostante tutto.
Ma non hai nomi e cognomi, oppure, li hai ma “come fai a provare, nel modo in cui si provano certe accuse tanto sensibili, che hai ragione”?
   
Per cui, non se ne fa mai nulla.
Perché la squadra vincente è ovunque, anche se non lo sanno nemmeno i suoi componenti, che sono membri aggiunti per l’occasione. Pedine sacrificabili e arruolate in cambio di “favori”.
No. Non è ancora quella, la squadra che vince. Per accorgerti di un simile livello devi andare ad “osservare” in una maniera diversa. Al di là di ogni convinzione (ad esempio, al di là del "denaro"). A quel punto ti accorgerai di essere “solo/a”, relativamente ai tuoi simili, ma mai solo/a relativamente ai tuoi simili che fanno parte della squadra vincente:
il Dominio (un termine frattale espanso, ossia, che puoi applicare a qualsiasi situazione riconosciuta di “potere dominante”, in maniera tale da agganciare il concetto, visto che è frattale e cioè si ripete in ogni occasione, sempre e comunque… “ad immagine e somiglianza” di una onda di forma/dima, che lo rende tanto “popolare”).

Enterprise o... fornello?
Il Dominio è più “vicino” al concetto frattale del pantheon antico (gli Dei e la loro “sede sopra al Mondo emerso”), ma non è costituito da esseri divini, a meno che non ti rendi conto che le massime cariche esistenti al Mondo lo sono, ma in relazione ad un grado di divinità attribuito loro dalla Massa, vista la loro sostanziale “distanza da una stretta di mano”
Nulla di “extra”. Davvero. “Solo”… apparenza, posizione, vantaggio, eredità, memoria, etc.
La “percezione extrasensoriale” è… fantascienza:
ogni ipotetica percezione che non possa essere attribuita ai cinque sensi.
Un sinonimo diffuso a livello popolare è anche sesto senso. L'uso di questo termine sottintende la ipotetica esistenza di canali di informazione estranei e sconosciuti alla scienza e, infatti, gran parte degli studi al riguardo si muovono al di fuori del metodo scientifico, riguardando la parapsicologia…
Link
Ossia, “ciò che senti di più autentico e di più tuo, è disinnescato dalla ‘scienza ufficiale (deviata)’, mediante l’induzione dell’invenzione di un termine, come quello di ‘fantascienza’, che ti drena dentro e fuori... da tutto ciò che sai ma non puoi dimostrare attraverso ‘metodo scientifico (hai presente tutte quelle complicate formule, che tirano fuori dal ‘cilindro’? Ecco. Devi studiare per tutta la Vita su testi preconfezionati, rinunciando al tuo ‘libero sentire’, perché va al di là del dogma, della teoria, dell'assioma e dell’interesse scientifico… sotto al controllo ‘di chi sai’, per garantire l’attuale ordine di idee e la continuità dello status quo by Dominio)’.
Gran parte degli studi al riguardo si muovono al di fuori del metodo scientifico…


La fantascienza è un genere di narrativa popolare di successo sviluppatosi nel Novecento, che ha le sue radici nel romanzo scientifico…
La fantascienza ha come tema fondamentale l'impatto di una scienza e/o una tecnologia – reale o immaginaria – sulla società e sull'individuo
Il termine è usato, in senso più generale, in riferimento a qualsiasi tipo di letteratura di fantasia che includa un fattore scientifico, comprendendo a volte ogni genere di racconto fantastico; un certo grado di plausibilità scientifica rimane tuttavia un requisito essenziale
Prima della fantascienza esistevano i resoconti dei viaggiatori, che presentavano elementi spesso fantasiosi o del tutto immaginari. Da qualche parte, lontano da qui, in qualche angolo inesplorato del mondo, esistevano strane culture, fauna e flora esotiche, a volte persino mostri marini…
La fantascienza vera e propria vide i suoi albori solo dopo la nascita della scienza moderna, in particolare dopo le rivoluzioni avvenute nel campo dell'astronomia e della fisica nel corso del Seicento…
Link
  • un certo grado di plausibilità scientifica rimane tuttavia un requisito essenziale (traccia frattale espansa)
  • prima della fantascienza esistevano i resoconti dei viaggiatori, che presentavano elementi spesso fantasiosi o del tutto immaginari (prima)
  • la fantascienza vera e propria vide i suoi albori solo dopo la nascita della scienza moderna (relegazione causale)...
Domanda:
che cosa succede dopo la formazione di un “dogma (vero o falso, non importa, visto che se si afferma diventa, in seguito, solo vero)?


Succede che:
  • tutto ciò che risulta disallineato con il “dogma”
  • viene bollato come “demoniaco, falso, eretico, sbagliato, fantascienza, etc. (dipende dal contesto, lo sviluppo e l’uso del singolo termine, che non cambia di una virgola la sostanza di quello che va a ricombinare nello spettro della comprensione delle persone: confondere, dividere, separare, insegnare, riformare, convincere, etc.).
Esiste sempre, allora, un “prima” e un “dopo”. Infatti, nel Mondo allineato con l’avvento del Cristo, ad esempio, esiste un “avanti” e un “dopo”… Cristo.
E poi? Che cosa altro esiste?
Esiste il tempo, il denaro, la legge, etc.
Esistono tutti quei modelli di riferimento che, in un epoca senza tempo… perché è sempre stata “qua, così”, come quella sempre attuale AntiSistemica, fanno comodo a ciò che non vedi più, perché non lo ricordi più, perché sei stato/a portato/a verso un simile livello della situazione.
Quante “invenzioni unilaterali” ti hanno ridisegnato dentro e fuori?
Tim Cook alla Bocconi: le idee cambiano il mondo, fatevi sentire.
Credere nelle proprie idee per cambiare il mondo in cui viviamo.
È l'invito che Tim Cook, Ceo di Apple, rivolge nell'aula magna dell'Università Bocconi di Milano per l'inaugurazione dell'anno accademico…
"Voi siete cittadini del mondo e avete la vostra voce che può essere ascoltata nei continenti, usatela, siete collegati in modo migliore al resto del mondo di tutte le generazioni passate. Mi auguro che la lezione, le conoscenze e le relazioni acquisite qui possano aiutarvi a cambiare il mondo e migliorare le vite di molte persone. Vi auguro buona fortuna" è l'invito finale di Cook agli studenti…
"Come business leaders abbiamo la responsabilità di gestire questo problema in modo urgente. Più di tutto abbiamo l'obbligo di fare ciò che è giusto:
questo ci guida alla Apple”…
Link
Abbiamo l'obbligo di fare ciò che è giusto ("giusto"... per chi/cosa?).

Perché “non ti fai sentire anche tu”? Perché non sostieni ciò che senti dentro di te, dall’aula bunker... dove tieni un simile sentire perennemente relegato?
Perché hai paura e temi per il “tuo” futuro.
Siete collegati in modo migliore al resto del mondo di tutte le generazioni passate” = siete controllati sempre meglio, capillarmente.
Il filtro, la censura... sono diventati il "tutto infrastrutturale".
Non sei libero/a “qua, così” di dire la tua, quando “la tua” diventa un rischio AntiSistemico, se rilasciata dall’interno dello status quo. O meglio, sei libero/a di dire tutto quello che pensi, sino al punto in cui la Massa non ti ascolta.
Dopo, se succede, tutto cambia e deve intervenire l’esercito e la “legge”.
Ad un certo punto, il paradigma s’inventa nuove situazioni che servono per rinsaldare il proprio impero senza confini, essendo tutto il Pianeta.
Le "nuove situazioni" prevengono le situazioni “altre”, che rendono l’auto invocazione popolare – relativamente all’attesa della nuova legge – come una consuetudine e come “mettere in banca una realtà manifesta che non può cambiare, perché non è interesse della ‘squadra vincente’”.
Il vantaggio del Dominio è senza pari, a meno che tu non riguadagni la tua “centralità”. A quel punto, “da fermo/a”… tutto risulta essere diverso da come sembra. A quel punto, il tuo sentire interiore "riesce da te"... per imprimersi nel reale potenziale, rendendo sostenibile un altro tipo di reale manifesto… da manifestarsi.
Ma, alla luce attuale, come puoi “tu” essere in grado di evocare un simile livello di coerenza?
Come puoi esserlo se rinunci, per opportunismo e per paura, a seguire ciò che hai elaborato extra sensorialmente (laddove i sensi non sono altro che i tuoi limiti presunti, perché controllati da una mente che usa tali misurazioni per bloccarti ogni volta)?
Ogni nuovo file, dell’elaboratore di testi, è sempre lo stesso spazio bianco, sullo stesso spazio ridefinito dal monitor. È salvando il lavoro che, di volta in volta, si crea una continuità, una memoria nella memoria, un filo discorsivo, un progetto, una realtà.
I conti correnti presso la banca centrale, sono la stessa cosa, il medesimo concetto:
  • cancella questa memoria
e
  • avrai risolto il problema del “debito e della fame” nel Mondo.
Non ci credi? Prova (ehm). E ricorda che esiste anche il "disaster recovery plan". Se lo devi fare, "fai le cose per bene. Sino in fondo"...
Quando le persone si riallineano tutte sullo stesso livello, quando non hanno più nulla da difendere e dunque da perdere, tornano ad aiutarsi. Difficile a credersi, perché attualmente non sei in quella condizione e credi che, invece, la gente in un simile contesto si trasformerebbe in lupi famelici senza freni inibitori.
Qualcosa che non sai fino a quando lo provi. Come pensi? Che tutto ciò è qualcosa che la “storia ha già raccolto e raccontato nei libri di testo”?
Dunque, credi di essere così e solo così?
Bene. Allora fermati pure ad un simile livello e continua a non dare retta a quello che hai rinchiuso nelle tue segrete:
il tuo più autentico e profondo “sentire extra sensoriale”.
L’orizzonte degli eventi è solo una teoria (Hawking)…
Io ti capisco. Ma non so perché…
11:00 AM

MotoGp, Iannone: Situazione imbarazzante, mi spiace per Rossi.
"La situazione del nostro sport oggi è difficile, imbarazzante. Mi spiace che Valentino Rossi non abbia portato a casa il campionato. Ha corso in maniera incredibile. Meritava, era suo".
Così il pilota della Ducati Andrea Iannone...
"Ho visto e rivisto la gara di Valencia e la cosa che trovo assurda, e lo dico da pilota, era che si correva a un ritmo elevato, ma non c'è stato nemmeno un sorpasso. Questo può succedere in alcuni Gran Premi di F1 non nel Motomondiale - ha proseguito il pilota di Vasto - C'è un enorme dispiacere a prescindere. Il nostro sport non è mai stato al centro di polemiche di questo tipo. E ora lo hanno trascinato in un vortice".
"Quando ho sentito le parole di Jorge, che ha dichiarato: 'I miei colleghi spagnoli hanno aiutato uno spagnolo' sono rimasto scioccato", ha aggiunto Iannone, ritiratosi per una caduta nel terzo giro dell'ultima gara stagionale.
"Ho pensato: 'Ma dove siamo arrivati?'. Non ci volevo credere.
Questo è uno sport individuale, sia chiaro. Se c'è stato un complotto? Non voglio neppure immaginarlo, sarebbe un dispiacere per tutti". Il pilota della Ducati getta poi una luce diversa sul mondo del MotoGp e sulle presunte amicizie tra i piloti.
"Il paddock non è un luogo di amici, di abbracci o di sorrisi - ha ammesso - Io, come del resto Valentino Rossi, ho sempre evitato le feste del dopo gara. Può succedere che se ti vedono con una bibita in mano, dicono poi che ci hai messo del Rum e il giorno dopo sei l'alcolizzato della pista.
Questa è la 'fratellanza' della MotoGp. È ora di raccontare le cose come stanno", ha concluso Iannone.
Link
  • ora lo hanno trascinato in un vortice
  • questa è la “fratellanza” della MotoGp. È ora di raccontare le cose come stanno
Sei nel vortice, per cui tutto diventa… vortice, anche se non lo è.
Tutto. E quando SPS afferma “tutto” è davvero tutto e “solo” tutto…
Rai3: Elisir, fegato ingrossato
Nuovo appuntamento con "Elisir" in onda mercoledì 11 alle 11 su Rai3. La steatosi consiste in un aumento anomalo delle dimensioni del fegato e può essere rilevata attraverso il tatto del medico o ricorrendo a specifici esami clinici.
Quali sono gli esami a cui sottoporsi?
Basta una giusta dieta a ridurre il fegato?
Cosa mangiare?
Michele Mirabella ne parlerà con il professo Massimo Colombo, direttore della Divisione di Epatologia al Policlinico Maggiore di Milano…
Link
Questo genere di trasmissioni hanno sempre molto seguito. Perché?
Perché le persone sono tutte “ammalate dentro”. Visto che la società vive di “veleni”, perché è in mezzo ai “veleni”…
Le informazioni tendono a confondere. Però ci sono. E ci sono anche informazioni che ti dicono tutto ma che, comunque, dimentichi… perché pieno/a di veleni (non casualmente presenti in loco).

Esperimento.
Che effetto fanno 40 cucchiaini di zucchero al giorno? Lo racconta il documentario “That sugar film”.
Il regista australiano Damon Gameau per due mesi si è alimentato con prodotti “sani e senza zuccheri”, ma è ingrassato di otto chili e ha aumentato il girovita di 10 centimetri...
Partendo dal presupposto che lo zucchero è presente nell’80% dei cibi confezionati, Gameau ha deciso di eliminare dalla sua dieta alimenti come merendine, bibite zuccherate, gelati. Così per sessanta giorni ha rinunciato al consumo di alimenti freschi sottoponendosi a una dieta ipocalorica a basso contenuto di grassi.
Niente schifezze ma quasi esclusivamente prodotti apparentemente sani e salutari definiti “senza zuccheri”:
yogurt alla frutta, barrette di cereali, bevande light, frutta secca o disidratata, mousli e succhi di frutta: insomma tutta roba che in genere è considerata sana e ipocalorica e che spesso i genitori danno ai propri figli.
E i risultati sono stati scioccanti.
Che cosa è successo.
Monitorato da un team di medici, dopo appena 18 giorni al regista è stato diagnosticato un ingrossamento del fegato
Link
  • dopo appena 18 giorni al regista è stato diagnosticato un ingrossamento del fegato
  • la steatosi consiste in un aumento anomalo delle dimensioni del fegato...
    Quali sono gli esami a cui sottoporsi?
    Basta una giusta dieta a ridurre il fegato?
    Cosa mangiare?...
Dunque, che cosa Mirabella va a trasmettere, ogni volta, se… sai perfettamente che:
  • sei reso/a così
  • per interesse altrui
  • altrimenti non si spiegherebbe che... la legge rende possibile un simile “modus vivendi”.
 
Ok. Tu sei libero/a di mangiare o meno, certe “schifezze”, ma… quando questi cibi sono resi “buoni al sapore”, vieni ingannato nonché reso/a dipendente da principi chimici contenuti, intenzionalmente, all’interno del “cibo”.
 La legge permette tutto ciò, nella sostanza
E se è la legge ad ingannarti ed a rendere possibile e permanente l’inganno, significa che l’interesse arriva dai massimi livelli. No?
Certo che sì e lo sai pure tu, ma… che ci puoi fare?
Andare dal legislatore? E chi è?
Puoi darti fuoco davanti al tal pubblico palazzo?
E perché mai? Chi te lo fa fare?
Perché devi essere proprio tu, ad “infiammarti” risultando così... “cornuto e mazziato?
Tanto non cambia niente.
E perché... poi, non cambia niente?
Perché il potere che ha interesse “qua, così” ha anche il potere di legiferare. Il potere è... ogni persona che viene eletta e che cambia, una volta giunta in “sede del potere”.
È molto sottile, la “cosa”. Molto strategica, intelligente, maliziosa, profonda, coerente con il proprio piano, perchè "esiste"…
Tutto ciò che, invece, viene a mancare a te. Come quella vitamina C che, ti dicono, hai necessità di ingerire ogni giorno, perché il corpo non riesce a sintetizzarla da sé.
Figurati
Che cosa permette al potere di rimanere sostanzialmente inarrivabile?
Per accadere in continuazione, devi essere costantemente a “bagnomaria” in qualche “sostanza/problema”.
Il sistema bancario è un sottosistema economico, e fornire liquidità alle banche non significa automaticamente fornirla al sistema economico in generale (imprese, famiglie, ecc.), in quanto le banche potrebbero scegliere di non utilizzare la liquidità, ma di depositarla invece presso la banca centrale stessa e godere di un tasso di interesse molto poco remunerativo, ma privo di rischi
Nel discorso tenutosi il 18 settembre 2015 alla camera di commercio di Portadown, in Irlanda del Nord, il capo economista della banca di Inghilterra, ha dichiarato che l'istituto potrebbe abbassare i tassi sotto lo zero per combattere la prossima recessione oltre a favorire una drastica limitazione all'uso del contante in favore della moneta elettronica anche attraverso tecnologie già diffuse come il Bitcoin (Milano finanza 19 settembre 2015)…
Link
  • il sistema bancario è un sottosistema economico
  • fornire liquidità alle banche non significa automaticamente fornirla al sistema economico in generale (imprese, famiglie, ecc.)
  • anche attraverso tecnologie già diffuse come il Bitcoin (ecco che cosa “è” il Bitcoin. Una alternativa? No. La continuazione dello status quo. Il suo rinnovo sempre nello stesso solco dell’aratro. Una “tecnologia”).
Invenzioni spacciate per altro e recepite nel tempo, da te, come usuali, progresso, democrazia, etc.
Qualcosa che ti sembra sempre che “cambi” e che non cambia mai (sei sempre nella situazione di vedere una “nuova alba”, che rimane fissa come un quadro dipinto sulla parete).
Nella “speranza della tua venuta”…

Accorgiti:
ciò in cui credi è una “invenzione di parte”.

Il vertice è... mancante.
Il reale manifesto si fonda e “poggia” su piloni infrastrutturali artificiali.
Qualsiasi reale manifesto è così, perché deriva da un livello potenziale che racchiude ogni scenario disponibile, nessuno escluso.
Per cui non esiste limite alcuno. I “limiti”, semmai, derivano dal tipo di “fonte causale, che s’interfaccia al potenziale, scegliendo la manifestazione più in linea con la propria intenzione”:
il limite è tutto “lì”.
E tu scambi questa “deviazione”, venendo dopo, per tutto ciò che è possibile.
La natura è artificiale perché “qua, così” lo diventa ma, di più, lo è già nel potenziale… perché prevista.
Per porre fine a quello che ti sembra "indeterminismo (fonte di paura)", allora, anche tu probabilmente preferisci fissare un livello zero e da quello ripartire, classificando tutto di conseguenza. No?
Ecco, allora, che qualcosa/qualcuno lo fa per te ed ecco, anche, come il paradigma diventa “realtà inossidabile”.
Perché anche tu ne convieni, anche se non comprendi tutto alla luce della più espansa prospettiva, relativa a ciò che succede nella sostanza.
Il potenziale è reale e racchiude tutto, ma non ti sembra che puoi viverlo per intero perché sei diventato/a “qua, così” un collo di bottiglia, una sequenza di istruzioni passo passo e una conseguenza di qualcosa che non ti sembra nemmeno esistere.
La sequenza genera ordine, gerarchia, Dominio. Chi prende il controllo, governa su tutto/tutti.
Il tempo diventa previsione e prevedibilità.
E tu diventi un ingranaggio dipendente dal controllo.
Quale controllo? Certo. Quale controllo, se… credi che sia il potente di turno, che crede di esserlo ma sente che non è così.
E allora, chi è che controlla chi?
Il film “11:00 AM” è fantastico proprio in questo senso. Ma i relativi concetti verranno approfonditi domani.
Il Qe è una invenzione recente. Prima non esisteva, anche se ora si vuole raccontare la sua storia.
Gli strumenti disponibili per le banche centrali sono “non convenzionali”, ossia:
  • vengono messi a punto dal “potenziale”
ergo
  • sono infiniti
perché
  • basati sulla possibilità del potere di “fare” ciò che per te risulta come… limitazione per legge ed inquadramento sociale e che devi, allora, solo assorbire come conseguenza.
Con il Qe, le banche centrali hanno riscritto la “storia deviata”.
Ora, i libri accademici lo dovranno illustrare, rendendolo digeribile ed assimilabile all’interno di un contesto fatto di regole precise e drenanti ogni altra possibilità, sino al prossimo punto di necessità, che le spazzerà via rendendole obsolete, ma sempre all’interno di una realtà manifesta che non cambia strutturalmente.
Queste cose tu le sai già, ormai.


Ma non le riesci (1) a spiegare per come le intendi dentro, (2) a metterle ben a fuoco e (3) a renderle concrete verso te stesso/a e gli altri, che (4) non credono anche se (5) come te, lo sanno dentro, dando luogo ad un circolo temporale vizioso, che (7) mantiene sotto di sé “qua, così”, il vortice sempre attuale e stabilizzato da una simile indecisione decisiva.
Ti serve giungere logicamente e concretamente alla “causa”. Ma la “causa si guarda bene dal comparire”. Ne hai bisogno, visto che “non sei” nel tuo perfetto equilibrio, dal quale non necessiti di nessun’altra prova evidente, visto che “da lì, sei”.
 
Fai a meno della “causa”. Diventa tu… la “causa”.
"Le idee cambiano il mondo, fatevi sentire...".
Tim Cook

Hai una idea? Condividila. Capirai che "puoi anche prenderne profitto". E appena cerchi un "finanziatore"... te ne accorgerai del "cosa gli/ti succede".
    
"Credere nelle proprie idee per cambiare il mondo in cui viviamo..." è altro e non dipende da nulla se non dal proprio "credere in se stessi ('luogo' causale di origine dell'idea stessa)", al di là di ogni "ricatto sottile... qua, così". Al di là, persino, dell'ispirazione altrui.
          
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com