venerdì 18 febbraio 2011

Puoi essere arrabbiato o puoi apprezzare quello che ti è stato donato.





Oggi mi sono svegliato a pezzi. Forse perché sto chiedendo la 'fusione' con la mia Anima. Sogno di più, o meglio, ricordo di più i sogni che faccio tutte le notti. È da qualche tempo che, prima di addormentarmi, chiedo alle mie ‘parti’ superiori ed inferiori di accorparsi, di migliorare la comunicazione

Mi rendo conto che facciamo da ponte tra due tipi di dimensioni molto diverse per grandezza:
  • il mondo superiore
  • il mondo inferiore
Dove per ‘superiore’ ed ‘inferiore’ non si deve assolutamente agganciare il significato usuale dei termini utilizzati. È una semplice descrizione sommaria di ‘ubicazione’ nella sfera del Tutto.

Ovviamente il punto di ancoraggio o di osservazione è il mio. Quei due Mondi sono riferiti alla mia posizione, alla posizione di incarnato umano. Macrocosmo e Microcosmo. Noi viviamo tra due campi di forze invisibili, siamo schiacciati tra di essi a causa della nostra posizione di centralità

Quel nostro centro ha dato luogo all’Ego? 

Certamente sì, dal momento in cui l’esperienza in Terra è proprio affine allo sviluppo di qualcosa che ‘prima’ non esisteva. Ego, Io, Coscienza, Super Io, Sé, Anima, etc. quanto ci siamo complicati la Vita, le cose, il gioco. Ognuno di noi si perde in queste classificazioni, cadendo nella separazione, nel giudizio, nella confusione, nella complessità della diversificazione, nei meandri dell’illusione…
 
Occorre sviluppare una visione armonica che non necessita di nessuna ‘spiegazione’, una semplificazione di ciò che si è sviscerato dalla posizione dominante del ‘divide et impera’ e che si trova usualmente nella voglia di giocare di un bambino o di un cucciolo.

Nella consapevolezza di ciò che è l’essenza della Vita.

Una modalità intuitiva, innata, semplice, che non ha necessità di Maestri. Un altro dei capovolgimenti dell’Antisistema è proprio intessuto nella figura del bimbo, ritenuto un perfetto 'lenzuolo bianco' che ‘appare’ nel mondo senza nemmeno sapere il perché, come scagliato nella bolgia per volere altrui.

Non è certamente così: consapevolezza occorre.

Consapevolezza è semplificazione del complicato, proprio come l’osservare un bel fiore di Margherita.

Ritenere i bambini come dei veli bianchi sui quali apporre le proprie firme è bloccare il flusso dell’esistenza. Ciò di cui necessitano è di Amore intorno a loro. L’intimidazione progressiva subita nel corso dei secoli, dei millenni, ha portato il bambino a dimenticare ‘chi è’ e ‘chi è stato’. 

Ciò equivale a dire che, il blocco continuo, ha condotto l’umanità all’impoverimento del viaggio temporale terreno, all’allungamento del tempo necessario da trascorrere nella densità al fine di completare le tappe del percorso dell’Anima.

Come descrive anche Giorgio Cerquetti nel suo libro "La prossima Vita", occorre una ‘buona Morte’ per ricordare nella successiva Vita. 

"Il passaggio evolutivo consapevole si divide in tre fasi: 
  1. conoscersi
  2. deprogrammare
  3. riprogrammare se stessi.
Una buona Morte si riassume in un abbandono del corpo senza la violenta pressione della Paura. Paura che, nelle sue varie estremizzazioni, in questo scenario 3D conduce i gioghi e le dinamiche del vivere agganciati all’illusione dell’unica realtà possibile.

Il potere racchiuso in noi è tale da dissolvere ogni ritenuto ostacolo all’istante: ma a cosa servirebbe? Non avrebbe senso un simile sprigionamento istantaneo. Perché? Perché verrebbe meno l’utilità di ogni aspetto della Vita 3D. Tornare ad essere ‘divini’ senza avere completato il percorso, equivale ad ammettere una sconfitta

La domanda è: cosa siamo venuti a fare in Terra?

Se siamo entità eterne, entità di luce, perché abbiamo avuto la necessità di rinunciare temporaneamente ad una simile condizione invidiabile?
Perché abbiamo avuto necessità di soffrire, ingabbiati in un corpo a ‘termine’?
 
Ovviamente perché incarniamo lo spirito evolutivo del Padre Creatore: il Tutto che permea ogni aspetto della Creazione. Non bisogna cadere nel paradosso, bensì comprendere l’impulso di evoluzione contenuto nella massima che ‘la perfezione è in cammino’. 

Il Creatore intende comprendere meglio sé stesso, intende capire cosa si annida nelle proprie ‘cantine’, dove la luce è un po’ più manchevole.

Noi siamo fatti a sua immagine e somiglianza. Poco importa se di mezzo c’è una tecnologia Annunaki. Nulla cambia nell’equazione sopra riportata. Perché nulla è lasciato al caso. Le vie possono ingarbugliarsi ma mai venire meno alla loro, seppur lentissima, soluzione di destinazione

Quando faccio attenzione a me stesso, è quando realmente finisco per sapere chi sono, cosa sto facendo e verso dove mi dirigo: è il passo che precede il cambiamento”.

La strada da percorrere la traccio io, questo è il mio proposito e attraggo il necessario per percorrerla”.

Non dobbiamo mai accomodarci in una situazione in cui non stiamo bene. Esiste sempre la possibilità di definire il modo in cui desideriamo vivere, avvicinarci ad esso sempre di più, fino a conseguirlo”.

Onda Incantata del Viandante del Cielo Rossowww.13lune.it
  
Di miracoli ci nutriamo costantemente, capitano sempre intorno a noi, eppure non ce ne accorgiamo, impegnati come siamo a… correre.

Il miracolo di Chase, nato senza cervelletto e dato per spacciato alla nascita...
Un bambino americano è nato senza il cervelletto (la parte del cervello che controlla la capacità motoria, l'equilibrio e le emozioni) e senza altre parti del cervello fondamentali per attività vitali come il dormire e il respirare. 
 
Ma la cosa più misteriosa, e che i medici non sanno interpretare in nessun modo, è che il piccolo riesce a fare cose che secondo la scienza sono inspiegabili

Chase Britton, tre anni, figlio di Heather e David, è un bambino occhialuto e sorridente che vive nella sua casa di New York. "Lui è felice. Lo chiamiamo Piccolo Folletto. Ama fare gli scherzi alle persone. Gli piace cantare. Il suo scopo nella vita è fare sorridere la gente", ha raccontato la madre Heather.
 
"Il medico ci ha chiamato e non sapeva che cosa dire" - ha rivelato Britton - "Nessuno aveva mai visto un caso simile prima di allora. Siamo quindi andati dai neurologi che ci hanno detto: "Non è possibile. Ha la stessa risonanza magnetica di un vegetale", ci ha confessato uno dei medici". Ma Chase non è un vegetale, e questo ha lasciato gli esperti sconcertati costringendoli a ripensare tutto quello che credevano di sapere sul cervello umano

Al bambino manca anche il ponte di Varolio, la parte della base del cervello che controlla funzioni vitali come il dormire e il respirare. Nel punto in cui dovrebbe avere cervelletto e ponte di Varolio c'è soltanto un liquido.
 
Ma il mistero si approfondisce, quando la madre rivela di avere dettagliate immagini agli ultrasuoni del cervello di Chase durante le diverse fasi del suo sviluppo fetale. E le scansioni mostrano chiaramente che inizialmente aveva il cervelletto. Il caso di Chase, ha spiegato l'esperto Adre du Plessis, sfida "i principi fondamentali" della medicina. 

Heather conclude: "Non credete a tutte le cose che vi dicono i medici: a volte possono sbagliarsi. Chase è estremamente sveglio. La gente potrebbe vederla come una storia tragica. Ma dipende da come guardi la vita. Puoi essere arrabbiato o puoi apprezzare quello che ti è stato donato. 

Chase era destinato a restare con noi".
Yahoo
 
Meraviglioso frattale che ci indica di vivere nella semplicità. Tutto è possibile se vuoi veramente vivere.

Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2011 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.