giovedì 4 febbraio 2016

Il labirintico status quo (1)


   
“Qua, così”, ogni forma di “idea, dogma, pensiero” è sempre orfana della “sua” ispirazione. Perché la ragione fondamentale della “forma” non è manifesta, seppure è compresente, ubiqua, predisposta ed intenzionata a…
Quindi, la conseguenza è un reale manifesto “senza testa (ogni esempio, si spreca)”.
Un labirintico modo di procedere, che il “metodo scientifico” ordina in maniera tale, da “conferire direzione logica” auto rafforzantesi, via via, per mezzo della “tua” adesione, per mancanza di alternativa sostanziale manifesta.
Il reale potenziale passa, dunque, in secondo piano… andando progressivamente a scemare, ordinatamente dimenticato; agganciato, com’è, al passo generazionale in continua “aspersione AntiSistemica by Dominio” (la ragione fondamentale della forma).
L'aspersione è un atto tipico di cerimoniali religiosi, probabilmente fin dalla preistoria, mediante il quale un ministro di culto addetto al sacrificio asperge la vittima prescelta (o eventualmente sé stesso) con acqua lustrale (ovvero acqua benedetta o santificata).
Nella religione romana antica, come in quella moderna, l'aspersione avviene tramite un rametto di alloro o olivo, detto appunto aspergillum, immerso nell'acqua lustrale e spruzzato su ciò che deve essere asperso (di solito è la purificazione da compiersi prima di un sacrificio agli dèi inferi).
Per la religione cristiana, l'aspersione ricorda il battesimo e la Pasqua. Il significato rituale sta nella purificazione ottenuta attraverso la purezza dell'acqua
Link
  • probabilmente fin dalla preistoria (da “sempre, qua, così”)
  • mediante il quale un ministro di culto addetto al sacrificio asperge la vittima prescelta (“ministro di culto, sacrificio, vittima prescelta”)
  • nella religione romana antica, come in quella moderna (da “sempre, qua, così”)
  • di solito è la purificazione da compiersi prima di un sacrificio agli dèi inferi (“un sacrificio agli dèi inferi”)
  • il significato rituale sta nella purificazione ottenuta attraverso la purezza dell'acqua (“attraverso la purezza dell’acqua”. L’acqua è “benedetta”. Certo, ma… “prima ancora l’acqua è inquinata”. A livello frattale espanso, l’inquinamento è uno stato esistente e, molto spesso, al di sotto del livello della “tua” osservazione, capacità, diretta. Se “attraverso l’acqua” acquisisci un certo “stato preparatorio”, allora pensa anche al di fuori del cerimoniale, che cosa ti accade ogni volta che bevi o ti esponi all’acqua inquinata e non... "benedetta". Che cosa “assorbi”?). 
          
La “natura” frattale espansa, del reale manifesto, “è omnicomprensiva di ogni tipo di informazione”, essendo una sorta di memoria/database/registro/applicazione/programma/funzione… “utilità”.

Il mezzo vettore per il "segnale di clock", in un certo senso.
Auto contenendo tutto e non essendo alienabile del tutto, il Dominio la usa in maniera tale da permettere l’aggancio massivo alla relativa frequenza dominante, polarizzando la Massa stessa, così che “abbia sempre la sensazione logica di… fare sempre da sé, ossia, di desumere – persino – un certo grado di libertà”.

Ogni apparato di distribuzione del segnale, prevede sempre:
  1. un trasmettitore di contenuti
  2. un ambiente preposto al funzionamento, per distribuzione del segnale portante
  3. la ricezione (massiva).
Affinché la trasmissione possa avere luogo, la ricezione deve essere sintonizzata sulla “stazione emittente”
Da “lì”, giunge la motivazione al controllo previo, nativo, della/sulla Massa, permesso dalla caratteristica del reale manifesto e, prima ancora, 1) dalla legge, strumento, memoria, frattale espansa e 2) dalla natura dello "spazio sostanza", caratterizzato da "particelle fondamentali" indivisibili, oltre alla capacità tri-unitaria.
Qualcosa che ha preso forma, a partire dal Dominio, ma – soprattutto – qualcosa che “può prendere qualsiasi forma”, in funzione della “ragione emittente ed agente sul Genio frattale espanso”:
  • il Dominio
  • che polarizza, di conseguenza
  • ciò che emerge, manifestandosi “qua, così”
  • senza necessità alcuna di essere manifesto o… apparire alla luce del sole, alla “tua” coordinata (delegazione frattale espansa).
Cioè, se tu funzioni per agganciamento ad una sola frequenza (sintonia), allora, capterai una sola trasmissione di segnale portante. La “tua” è, così, una riduzione della potenzialità, inserita in un collo di bottiglia previsionale... ordinante ciò che, ad ogni effetto, ti sembra essere solo quello di cui disponi, diluendoti in qualcosa che, guarda non caso, ti prende in considerazione a livello fisico “per come appari e per come sei costretto/a ad apparire”.
Il “momento del disinnescoè stato perfezionato, dai Punti di Riunione AntiSistemici (indirettamente, inconsciamente e… per interesse), rendendolo sempre più esteso, sino a coprire il “tuo” tempo, per intero. In maniera tale da non lasciarti mai “solo/a”

Il Dominio è "oltre" le testa. La croce è piantata sull'intero Globo. Il simbolismo non è mai casuale, sopra a tutto, quando l'informazione "viene, avendo la coerenza di osservare sempre con la tua lente frattale espansa".
Per questo motivo, tutto ciò che accade, riaccade e rassomiglia sempre a qualcosa di familiare, ma che non riesci mai ben ad inquadrare (déjà-vu), perché… la sua “ragione” si auto mantiene al di là, di ciò che ti è rimasto possibile “osservare (seguendo quella logica, che ti è stata fornita ad hoc… per filtrare tutto in funzione dell’input dominante)”.
Accorgiti, or dunque.
SPS è un martello anche in questo. SPS rappresenta ed indica “un altro ritmo (segnale di clock)”, osservato direttamente il/dal reale potenziale.


Un esempio di “familiarità frattale espansa”? Il prossimo…
Italia chiede a Ue flessibilità bilancio per costi crisi Libia.
"L'Italia ha una forte aspettativa di vedere da parte della Commissione europea l'applicazione di un approccio coerente, durante la valutazione dei Programmi di stabilità", ovvero dei bilanci nazionali degli Stati membri, in particolare "non prendendo in conto nel calcolo del deficit, ai fini del rispetto del Patto di Stabilità Ue, l'intero ammontare dei costi sostenuti dall'Italia fin dall'inizio della crisi in Libia".
Lo si afferma in una dichiarazione che il governo ha fatto inserire nei verbali della riunione, svoltasi stamattina a Bruxelles, del Coreper, l'organismo tecnico del Consiglio Ue che prepara le riunioni ministeriali.
La nota accoglie con favore la decisione della Commissione di non considerare nel calcolo del deficit i contributi nazionali degli Stati membri alla "facility" da tre miliardi per la Turchia, riguardante il programma di assistenza finanziaria ai profughi in quel Paese, e sottolinea che questo stesso trattamento (scomputo dal deficit) dovrebbe essere riservato a tutte le spese sostenute dai paesi membri per la crisi migratoria, la sorveglianza delle frontiere, il salvataggio in mare dei migranti e la loro accoglienza.
Link
  • non prendendo in conto nel calcolo del deficit, ai fini del rispetto del Patto di Stabilità Ue, l'intero ammontare dei costi sostenuti dall'Italia fin dall'inizio della crisi in Libia
  • non considerare nel calcolo del deficit i contributi nazionali degli Stati membri alla "facility" da tre miliardi per la Turchia, riguardante il programma di assistenza finanziaria ai profughi in quel Paese, e sottolinea che questo stesso trattamento (scomputo dal deficit) dovrebbe essere riservato a tutte le spese sostenute dai paesi membri per la crisi migratoria, la sorveglianza delle frontiere, il salvataggio in mare dei migranti e la loro accoglienza.
Ebbene? A cosa assomiglia, frattalmente disquisendo, questa realtà?

A questa:
Mafia Capitale, Buzzi: “Con immigrati si fanno molti più soldi che con la droga”
Link
Roma, inchiesta Mafia Capitale: "Immigrati e rom rendono più della droga", le intercettazioni che svelano il business
Link
Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una”.
Tavola di smeraldo
Per fare i miracoli della “cosa una”: il Dominio, che usa la frattalità espansa.
"L'Italia plaude alla dichiarazione della Commissione che accetta che i contributi degli stati membri al fondo per la Turchia non siano considerati nel calcolo del deficit in linea con il fatto che la crisi dei rifugiati sia considerata 'un evento straordinario' fuori dal controllo degli Stati membri"...
Link
In linea con il fatto che la crisi dei rifugiati sia considerata 'un evento straordinario' fuori dal controllo degli Stati membri" (la “crisi” è contemporaneamente – senza andare a cambiare nulla nella sostanza di quello che riaccade – sia sotto al controllo, che fuori controllo… “degli Stati membri”, perché i livelli della gerarchia rendono tutti complici del Dominio, anche senza esserne consci e, dunque, anche solo conseguendo i “propri” interessi… nel nome di qualcosa che non esiste ma c’è: status quo).
L’autosuggestione è un “canale d’entrata” in te:
chi/cosa passa inosservato?
Chi/cosa entra? Chi/cosa inscrive dentro di te?
Perché lo permetti sempre? Perché non te ne accorgi

Poni, dunque, maggiore attenzione a ciò che ti sembra normale, naturale, ovvio… solo per consuetudine, svuotata del suo più autentico “significato frattale espanso (sostanziale)”.
Per non “farla troppo lunga, ogni dì”... SPS diluisce ciò che avrebbe espresso solo oggi, in una serie di più brevi articoli.
Il tema dei prossimi “anelli” sarà quello dei “rapporti Usa/Urss e dell’invasione dell’Europa di 70 anni fa”.
Per iniziare, prendi atto del valore aggiunto portato dalle prossime due immagini.
 
Link
Riteneva che la prima guerra mondiale avesse spianato la strada alla fondazione di un’Europa unita e federale, quale mezzo essenziale per garantire la conservazione da parte dell’Europa della propria autonomia”.
Conservazione… della propria autonomia”, rispetto a quale altro tipo di futuribile? A quale “alternativa”?
  1. una forzata alleanza sotto alla guida dell’Unione Sovietica (delle sue “mire”)
  2. resistere alla concorrenza degli Stati Uniti
Come dire “dalla padella alla brace”. No?


Fai attenzione, ora:
  • la Gran Bretagna ("per la sua funzione di potenza mondiale")
  • "avrebbe dovuto rimanere fuori dall’alleanza paneuropea"
ma
  • "avrebbe comunque avuto stretti legami con la federazione, agendo come mediatore con gli Stati Uniti d’America"…
Può, davvero, “una potenza mondiale” auto escludersi dal mantenere la propria “fetta di torta”, accettando il ruolo – apparente – comprimario del “mediatore”? Sì, solo se "c'è sotto qualcosa (se ha un interesse trasversale)".
Lo può fare se 1) conosce già il “futuro” (a partire dalla "sua" direzione intrapresa attimo dopo attimo), 2) accetta un ruolo molto comodo per defilarsi, senza perdere nulla relativamente alla propria continuazione che, di fatto 3) la rende ancora più indemagliabile, all’interno della trama di un tessuto... che non cambia mai, se non per stringersi sempre più, attorno al proprio centro dominante (ragione fondamentale, densità frattale espansa).
Lo schema logico è sempre lo stesso, nella sostanza (quello di "esserci sempre, anche se non si appare ufficialmente").


Gli Stati Uniti parlano ufficialmente l’inglese.
Essi sono formati dalla gran parte dei popoli della Terra, estraendo da questa diversità... delle risorse internamente allineate e predisposte a “fare le veci di un’unica grande nazione”. Un rinforzo della specie umana, messo sotto al controllo di un ideale unico:
gli Stati Uniti d’America.
La “madre patria” è, però, in Europa ed è l’Inghilterra che, guarda non caso, accetta il ruolo di “mediatore”, in maniera tale da far scivolare l’interesse di ritorno, Usa, lungo il piano inclinato che li porta direttamente in Europa, la terra di origine, il “vecchio continente”.
Inghilterra che “perde la guerra con le colonie d’oltreoceano”, nello stesso modo in cui “non perde mai, di fatto, il controllo dei propri ex territori imperiali, anche quando assumono - da sè - di essersi riusciti a liberare "della, di lei, ossessione”.
Gli inglesi sono, da sempre, degli abili scommettitori. E per “vincere” in un simile ambito, devi avere maturato una visione d’insieme, molto ma molto… coerente, ossia, “esatta”.
Le loro “scommesse” sono, in realtà, basate sulla certezza che hanno, relativamente al come andranno le “cose”.
Il boomerang è una sorta di “cavallo di ritorno, non casuale”, qualcosa che ricorda da molto vicino, ciò che succede con gli Usa, che “vengono scoperti” proprio per questo motivo:
  • distogliere l’osservazione dalle “vecchie dinamiche”, legate ad equilibri troppo incrostati per permettere che qualcosa di sostanziale possa ancora accadere
  • lanciando il “sasso” oltreoceano e creando (immaginando) una “nuova nazione”, gli equilibri si spostano, muovendo il centro di massa al di fuori dell’Europa che, così, diventa “terra di conquista”, resettandosi ed aprendosi alla creazione Usa… che tutto sembra, fuorché quello che è:
un abile mossa strategica per smuovere le acque ristagnanti, mischiandole a quelle più “fresche e dinamiche” dell’oceano, finalmente aperto e autorizzato a penetrare nel Mediterraneo e non solo.

Tutto ciò si muove e si dispone, a livello frattale espanso, a partire dal Dominio. Tutto è “sopra/sotto” ricollegato ad un’unica causa fondamentale, per la quale “tutto può succedere, tranne… l’unica cosa che non deve succedere:
ricordare ciò che è già successo”.
Le parti sono in lotta eterna tra loro, anche quando sono in “pace”.
Le parti, pur ricordando, non ricordano affatto.
L’unità centrale dominante, spinge per memoria frattale espansa, a far sì che le parti si riuniscano sempre di più, (ma) disinnescate... rispetto all’autentica portata relativa al “ricordare perché”. 
Link
  • gli Stati Unitistrinsero un’alleanza strategica con l’Unione Sovietica, rendendo possibile…
  • l’unica grande potenza industriale nel mondo a venirne fuori intatta – e anzi enormemente rafforzata, dal punto di vista economico – furono gli Stati Uniti, che si affrettarono a consolidare la propria posizione
Nulla è per caso.
I sovietici non dimenticarono le ripetute assicurazioni di Roosevelt che Stati Uniti e Regno Unito avrebbero aperto un secondo fronte sul continente europeo; ma l'invasione alleata non occorse fino al giugno 1944, più di due anni dopo la prima richiesta di Stalin.
Nel frattempo, i russi soffrirono notevoli perdite, attorno ai 20 milioni di morti
La seconda guerra mondiale provocò distruzioni enormi nelle infrastrutture e nelle popolazioni di tutta l'Eurasia, dall'Atlantico al Pacifico, quasi nessuna nazione tra quelle coinvolte rimase indenne.
L'Unione Sovietica venne colpita in particolar modo a causa della distruzione di massa della base industriale che aveva costruito fino agli anni trenta



Per assicurare l'influenza sovietica sull'Europa orientale e guadagnare del tempo, Stalin organizzò il Patto Molotov-Ribbentrop, un patto di non-aggressione con la Germania Nazionalsocialista
Link
Ergo:
gli Stati Uniti erano “alleati” – anche - del Terzo Reich (una prospettiva che "apre").


Un comportamento sottile, che li ha visti finanziare la Germania, prima di Hitler e rifornirla anche di quei “pretesti” utili proprio alla sua ascesa, come risposta di contrasto.
Lo stesso “disegno” utilizzato con l’Iraq di Saddam Hussein, ad esempio.
Arma e distruggi l’armato, per poi riarmarlo.
La storia che “conosci”, è quella del post “è già successo”.
Dopo che passa l’onda, l’onda ha interessato tutto, compreso il racconto storico che è, dunque, “deviato”.


  
Accorgiti…
  
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2016/Prospettivavita@gmail.com 
"Ogni giorno, da tutti i punti di vista, io vado di bene in meglio". Emile Couè 

10 commenti:

  1. a proposito di globo sormontato da una croce:

    La regina ha ricevuto dal Pontefice anche un dono per il "royal baby", il principe George di Cambridge, figlio del principe William e della moglie Kate Middleton. Il Papa ha inviato al piccolo, che compirà un anno a luglio e terzo nella linea si successione al trono britannico, un globo in pietra pregiata sormontato da un croce.

    da
    http://m.repubblica.it/mobile/r/locali/roma/cronaca/2014/04/03/news/roma_la_visita_lampo_della_regina_elisabetta_incontri_con_il_papa_e_napolitano-82608348/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Prof., è "impressionante". Ho visto la foto del "gingillo" in questione. La croce è piantata sul/nel Mondo intero. Sembra di essere ancora nel medioevo (infatti, non è cambiato nulla, nella sostanza). Chissà che ne pensa il "poppante". He He...

      Grazie e un caro abbraccio.

      Serenità

      Elimina
  2. Certo che tramite metodo di contrasto, di tracce di DominIO se ne trovano parecchie in quei di Londra e dintorni, terre di "Europei" senza Euro..

    Agire senza apparire, defilarsi al momento giusto preservando sempre e comunque lo status quo, prevedere (perché precedentemente definito) il futuro … Come tu ben esponi, l'unico modo per non essere attaccabile è essere invisibile: questo è il Dominio, il vertice della piramide.

    Tuttavia non necessariamente una "piramide" con vertice staccato deve possedere forma triangolare, essa può ben celarsi in un contesto più ampio ed avere una forma del genere: http://www.dodoblog.it/wp-content/uploads/2016/02/eng-on-top.gif

    A proposito del "Piano Kalergi" da te citato nell'articolo, mi permetto di evidenziare i seguenti articoli:
    http://identità.com/blog/2012/12/11/il-piano-kalergi-il-genocidio-dei-popoli-europei/
    http://www.stampalibera.com/?a=31294

    Qui invece si può trovare una disanima anti-complottista sul tema By Dominio.
    http://www.linkiesta.it/it/article/2015/09/28/cose-il-piano-kalergi-la-bufala-dei-migranti-che-uccideranno-gli-europ/27568/

    Comunque, vero o falso che sia questa notizia, è sufficiente osservare come nel “qua cosi”, la nostra società si stia trasformando proprio come descritto in quel piano … inclinato.

    Concludo riportando la seguente rappresentazione frattale del DominIO “creatore” trovata in giro per la rete:
    [ ... Ma resta l’ultima domanda: anche questi “Dr. Frankenstein”, questi “Mengele” che hanno in mano “l’arte”, intenderanno anche loro “riprodursi” così, oppure resterà una casta di “dominatori”, i quali si concepiranno gli unici veri “uomini”, mentre la massa degli schiavi verrà letteralmente prodotta in laboratorio e pertanto sarà priva di ogni diritto, primo dei quali quello di sapere chi sono tuo padre e tua madre? …]
    http://www.stampalibera.com/?a=31316

    Ciao e Grazie
    Dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dario, in SPS non importa cosa pensano gli altri. In SPS le "idee sono chiare", perlomeno a livello di Filtro di Semplificazione. E ciò che traspare è qualcosa di molto simile ad una "proprietà privata", applicata a tutto il Pianeta.

      Non importa quale sia la "versione ufficiale", perchè "in casa del Dominio, vuoi che lasci qualcosa al caso"? SPS è forte di se stesso. Una direzione sempre più in via di rafforzamento, per cui... "cosa porteranno gli anni a venire, lato SPS"?

      Penso (anzi, immagino) che ci sarà una ventata di "chiarezza, sempre maggiore" by SPS (da una simile prospettiva). Quindi, valida solo per SPS e pochi altri... perchè la Massa è sempre troppo impegnata, alias, disinnescata ad hoc.

      Leggere cosa si trova in giro, è come "darsi una martellata sui maroni"...

      E, fra l'altro, contribuisce al reset ciclico.

      Grazie Dario. Un caro abbraccione.

      Serenità

      Elimina
    2. [ … in SPS non importa cosa pensano gli altri. In SPS le "idee sono chiare", perlomeno a livello di Filtro di Semplificazione. E ciò che traspare è qualcosa di molto simile ad una "proprietà privata", applicata a tutto il Pianeta. ]

      Tutto il manifesto è proprietà privata del Dominio. Io lo so, è evidente, le idee sono chiare, me ne sono accorto. Chi non lo sa pazienza, fatti suoi.
      Ma ora che lo so cosa cambia? Ora che SPS ha le idee chiare e lo sa, cosa cambia?
      Nulla.
      Per tutta la “proprietà privata” cambia Nulla.
      Per i pochi che se ne sono accorti, ma continuano a stare nella “proprietà privata”, cambia Nulla.
      Tutti continuano a subire il volere del Re, che propone e dispone a proprio piacere per consolidare i propri obbiettivi e dominio. Alternative pratiche concrete da applicare nel qua così non ce ne sono.

      Leggi ingiuste e capestro, inquinamento dell'ambiente, nuove tasse, banche ingorde, ecc. anche chi si è accorto deve subisce tutto questo. Non ne può fare a meno nel qua così.
      L'unica “consolazione” è che se ne è accorto. Tutto qui.
      Un po come quando chi ne ha prese di santa ragione ti racconta “l'altro giorno ne ho prese tante! … ma sapessi quante glie ne ho dette!”.

      [ Non importa quale sia la "versione ufficiale", perchè "in casa del Dominio, vuoi che lasci qualcosa al caso"? SPS è forte di se stesso. Una direzione sempre più in via di rafforzamento, per cui... "cosa porteranno gli anni a venire, lato SPS"? ]

      Eh! Eh! “in casa del dominio vuoi che lasci qualcosa al caso”? … certo che NO!, credo sia la risposta, che poi è anche la mia.
      Quindi, applicando i principi di SPS all'affermazione “SPS è forte di se stesso” ne ricaviamo: “se in casa del dominio SPS (o altri soggetti) è forte di se stesso e perché al Dominio va bene così, in casa sua mica lascia qualcosa al caso, il Dominio”.
      Di conseguenza, la risposta alla domanda: "cosa porteranno gli anni a venire, lato SPS"? Analizzando quanto già accaduto nei millenni precedenti è semplice: Quello che il Dominio desidera avvenga.

      [ Penso (anzi, immagino) che ci sarà una ventata di "chiarezza, sempre maggiore" by SPS (da una simile prospettiva). Quindi, valida solo per SPS e pochi altri... perchè la Massa è sempre troppo impegnata, alias, disinnescata ad hoc.]

      Se la massa è disinnescata, significa che SPS è innescata (curiosità mia: innescata in cosa?) e ha una visione propria del tutto diversa dalle Masse troppo impegnate. Ma che se ne fa?
      Per il momento lo sta raccontando a tutti, e alcuni stanno sperimentando che c'è del vero in tutto questo. Ma siamo sempre alle solite: a cosa serve saperlo?

      Inoltre, siccome ormai tutti si sono dimenticati cosa sia e che ci facciamo nel “qua così”, stiamo ignorando se quanto ci circonda, compresi noi stessi, sia/siamo di proprietà del Dominio, oppure sia/siamo di tutti e tutto, ma il Dominio, perché arrivato prima di tutti gli altri, se se ne è appropriato ingiustamente e lo sta sfruttando come gli pare e piace.
      Dobbiamo quindi innanzitutto stabilite questa grande differenza, ritrovando la memoria oppure i “contratti di assegnazione” redatti e stabiliti a suo tempo: chi è, se c'è, il padrone qui? a chi fu assegnata la nostra dimensione?:
      a) al DominIO, e quindi tutto quello che ci sta dentro, compresi noi, è di sua proprietà e può fare e disfare come meglio crede. E noi muti e stecca.
      b) a nessuno, è di tutti e tutto, quindi si dovrebbe vivere in modo paritetico in pace e armonia

      Senza questa certezza non sarà mai possibile comprendere se tutto questo è giusto o sbagliato … o entrambi.
      (continua)

      Elimina
    3. (continua)
      [ Leggere cosa si trova in giro, è come "darsi una martellata sui maroni"…
      E, fra l'altro, contribuisce al reset ciclico.]

      Già. Concordo . Credo anche io che dovrei smettere di leggere quello che “trovo in giro” (quindi anche SPS(te)) per evitare di farmi del male e resettarmi ogni volta.

      In SPS(te), quasi tutti gli articoli riportano, analizzano e commentano pezzi di altri articoli trovati in giro per la rete, letti su libri, visti in films, ecc. ... tutta roba By Dominio. E' evidente che per fare questo sia necessario “Leggere cosa si trova in giro” e resettarsi ogni volta.

      Quindi, fammi capire bene, questo tuo epitaffio si riferisce a “tutti” quelli che leggono “cosa si trova in giro”, compreso SPS(te), oppure solo a quanto io ho “letto in giro” e segnalato nel mio commento?

      Grazie per il chiarimento.

      Dario

      Elimina
    4. Ciao Dario, 1) come credo sia chiaro, io al limite provoco/stimolo e non giudico/offendo nessuno, per cui ognuno è – ovviamente – “libero” di… fare quello che vuole e 2) comprendo che non sono ancora riuscito a rendere concepibile ciò che percepisco, 3) senza per questo riuscire ancora a fornire anche la “risoluzione”. Ok? Accorgersi è differente rispetto allo status quo. Non cambia nulla? Non è la stessa cosa, comunque. Ciò che non riesco a chiarire è 1) il discorso relativo alla grande concentrazione di massa (uno con te stesso), 2) la legge, strumento, memoria, frattale espansa (il Genio), 3) la coerenza, prospettiva, centralità rispetto a se stessi… Tutto ciò, insomma, che se ti accorgi… e solo se ti accorgi, inizi a rimettere in moto. Quando ti accorgi, inizi anche a ricordare e a diventare “uno con te stesso (ossia la grande concentrazione di massa)”, che inizia a farsi “sentire” dal Genio frattale espanso, che per delegazione… inizia a prenderti in considerazione nell’ottica della tua riflessione nel reale manifesto, che inizia ad essere anche a “tua immagine e somiglianza”. Dario, di questo… te ne sei completamente dimenticato. Vero? Per cui, misuri tutto alla “moda”, ossia: mediante un cambiamento (in luogo di un ricordare ciò che sei già), mediante un fare (in luogo di un essere). Per questo non cambia nulla, anche se te ne accorgi ma senza coerenza rispetto a “chi sei già”. Detto questo, SPS non ha nessuna soluzione da proporre ed è giusto così, infatti… non esiste la soluzione sino a quando non la diventi/incarni tu. Alla fine non c’è nulla che deve cambiare. Alla fine c’è una manifestazione reale by “grande concentrazione di massa, per delegazione frattale espansa”. È un po’ come succede quando in un gruppo di persone, chiuse in una casa, emerge la personalità più “forte”, che comanda di conseguenza.
      Il reset è ciò che ti ha colpito oggi, quando hai dimenticato una parte di ciò che è alla base di SPS. Il disinnesco è questo ed è dappertutto. Anche in SPS? SPS lo lascia credere, ma nella sostanza SPS è sempre “sul pezzo”, ma non può nulla per la tua situazione. SPS può diventare un Dominio, così come lo puoi diventare tu e così come lo è diventato l’attuale forma di Dominio.
      [Di conseguenza, la risposta alla domanda: "cosa porteranno gli anni a venire, lato SPS"? Analizzando quanto già accaduto nei millenni precedenti è semplice: Quello che il Dominio desidera avvenga]: questa è la speranza del Dominio. Qualcosa che non coincide con la prospettiva di SPS. Vedremo…
      Le tue domande/considerazioni… rispondono tutte alla logica del disinnesco, che… se hai compreso a fondo cosa ho scritto poco sopra, decadono tutte… nel momento in cui, ti riconfiguri dal tuo terzo stato, lato proprio. È una frequenza di funzionamento che annulla ogni deviazione.
      Cerchi della “certezza” senza una tua base stabile e coerente con te. La memoria è stata “cancellata” dalla paura, da ciò che è successo, dal Dominio.
      Accorgersi è determinante. Non credi? Se non te ne accorgi, che fai? E se te ne accorgi, che succede? Te l’ho scritto poco sopra… Non è la stessa cosa.
      La fisica del reale manifesto “qua, così”, sembra essere tutto, per cui occorre che cosa? Una reazione? Certo, così l’unica cosa che si rafforza è lo status quo. No. Non serve il cambiamento. È utile accorgersi per ricordare. Se tu sensibilizzi una parte di te, quella parte inizia a pulsare e a richiamare informazione coerente. Che non è il “bias di conferma” o la malattia mentale…
      [ Leggere cosa si trova in giro, è come "darsi una martellata sui maroni"…
      E, fra l'altro, contribuisce al reset ciclico.]

      Se ti sei offeso… è un problema tuo. Sei “libero”, no?
      (Continua)

      Elimina
    5. (Segue)
      Se SPS rientra nella proprietà privata del Dominio, non lo so. So solo che la frequenza SPS è questa. E, una volta per tutte (l’ennesimo chiarimento che, vivendo per lavorare, non è certo semplice, anche, ricordare in coerenza):
      SPS si è accorto della legge, strumento, memoria, frattale espansa
      per cui, a Filtro di Semplificazione attivo, le informazioni – all’altezza di ognuno – non mancano mai
      però occorre accorgersi, al fine di decodificare al meglio e ricordare
      per centrarsi nella grande concentrazione di massa
      in grado di “pilotare” la neutralità sostanziale del Genio frattale espanso (ciò che in realtà incide, nel reale manifesto, la più grande concentrazione di massa).
      SPS, dunque, fa riferimento a fonti esterne di notizia, citandole, perché altrimenti SPS non avrebbe modo di essere così efficace, annodando insieme ciò che ogni giorno i Media sfornano relativamente alla realtà sociale nello status quo. Se SPS scrivesse solo di “proprio pugno”, risulterebbe troppo noioso. E sai perché? Perché… SPS non è conosciuto dalla Massa. Se scrivesse le stesse cose, ad esempio, Umberto Eco… beh, sarebbe molto diverso. Eco, infatti, non avrebbe bisogno di citare che diamine è successo ieri. Eco avrebbe la possibilità di esprimersi (saggio) per quello che è, nella maniera in cui è grandemente conosciuto, valutato e premiato (lui “buca lo schermo”, insomma. SPS, no).
      Inoltre, la citazione di news è sempre costruita all’interno dell’articolo quotidiano, che segue un filo logico coerente, da oltre 7 anni. Ora, si è progressivamente chiarito che è centrale mettere un Filtro di Semplificazione, visto che le informazioni non mancano mai, in realtà. Altrimenti, si continuerebbe a citare di tutto, dai fantasmi, agli alieni, etc. passando per un sostanziale nulla di fatto. Ad esempio, ti sarai accorto che SPS non cita più nulla di “campato per aria”. Anche la questione energetica umana è stata messa da parte. Perché senza centralità propria (individuale), serve solo per confondere le idee, che sono già di loro senza capo né coda.
      In coerenza con te, lato tuo, al centro per centro… tutto quello che “fai” va sempre bene. Ergo: fai tu.
      Il chiarimento che chiedi è, in realtà, un reset che hai subito (accorgiti). Perché 1) hai letto centinaia di volte in SPS, ciò che ora 2) ti sei dimenticato. SPS è ciò che emerge. È nel Dominio? Bene, ma non significa nulla. Un meteorite che cade quaggiù, è nel Dominio ma non è del Dominio. Il Dominio può campare pretese… ma sino a quando ricordi, nulla di ciò che pretende può valere anche per te, che rimani “sovrano”.
      Il “non cambia nulla, anche se…” è una auto suggestione, basata sul disinnesco nello status quo. “Qua, così” le dipendenze si sprecano. E nulla e nessuno è veramente “libero”, anche se ti viene da pensare al contrario. “Nulla e nessuno”, per cui… anche SPS. Vero? Dai… SPS non vende nulla ed io e mia moglie, abbiamo deciso delle scelte personali, autentiche, fisiche, vere, assolute, etc. piuttosto “coraggiose”.
      Certo, non l’ho pubblicizzato ma ciò non toglie nulla al “già deciso”…
      Se per te non significa nulla, beh: fa lo stesso. E SPS fa parte, allora, del trito e ritrito.
      Dario, se hai intenzione di “fare sul serio”, fai attenzione alla ciclicità del disinnesco… Ora, hai anche il pretesto per “litigare”. Wow. Questo sì che è… Dominio.
      Grazie e un abbraccio.
      Serenità.

      Elimina
    6. Grazie Davide per la risposta.
      Ho ottenuto quello che cercavo. Ora è tutto molto più chiaro ... e rilassante.

      Capisco e ci credo sia difficile esporre e spiegare il proprio sentire.

      La difficoltà sta proprio nell'esporlo e non nel sentirlo. Sentirlo è facile, per te che lo senti e per gli altri che sono riusciti a sentirlo. Esporlo è difficile, per te che lo devi illustrare e per gli altri che lo devono recepire, assimilare.

      Ma allora perchè esporlo questo "sentire"? basterebbe semplicemente sentirlo, applicarlo e ... tenerselo per se, no?...
      E invece no, per diversi motivi Tu hai scelto di esporlo e quindi affrontare il difficile, e di questo te ne siamo grati. E cosi a volte può accadere che nascano incomprensioni, dubbi e domande in chi cerca di comprendere e seguire quanto "sentito" ed esposto da SPS(te).
      Non tutti ci arrivano al primo colpo, io per primo, e così chiedo, cerco risposte e faccio ipotesi. Tutto qui.

      Per quello che mi riguarda avverto che quello che racconti sia interessante, innovativo, utile. Potrebbe essere una questione di vitale importanza che in un futuro più o meno prossimo si riuscirà a concretizzare e comprendere bene. Oppure il solito meccanismo di vitale importanza che però sarà disinnescato un attimo dopo dal Dominio.
      Solo il tempo potrà darci torto o ragione.

      Ci tengo infine a puntualizzare che le parole "offendere" e "litigare" non sono roba mia. Io ho semplicemente richiesto dei chiarimenti ed esposto dei dubbi che avevo. Quegli stati d'animo (offeso) e azioni (litigare) sono a me estranei. Soprattutto in questo contesto.
      Ciao, Grazie e ...
      Alla prossima.
      Dario

      Elimina
    7. Ciao Dario, questa volta la "provocazione" l'hai costruita tu. Va bene. Ne prendo atto. E spero davvero di essere riuscito a sviscerare al meglio, ciò che "sento". Certo, non è facile nè per me che per te. Ma, c'è qualcosa che può andare sempre oltre: quella sorta di intuito, che lascia ogni credo da parte. Che "buca" lo status quo.

      Il disinnesco ha colpito ancora, ma... è stato deviato ad hoc.

      E di questo ti ringrazio.

      Alla stessa maniera, in coerenza, manteniamo la centralità in Comunione...

      A presto.

      Un caro abbraccio. Serenità.

      Smile

      Elimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.