giovedì 4 febbraio 2016

Il labirintico status quo (1)


   
“Qua, così”, ogni forma di “idea, dogma, pensiero” è sempre orfana della “sua” ispirazione. Perché la ragione fondamentale della “forma” non è manifesta, seppure è compresente, ubiqua, predisposta ed intenzionata a…
Quindi, la conseguenza è un reale manifesto “senza testa (ogni esempio, si spreca)”.
Un labirintico modo di procedere, che il “metodo scientifico” ordina in maniera tale, da “conferire direzione logica” auto rafforzantesi, via via, per mezzo della “tua” adesione, per mancanza di alternativa sostanziale manifesta.
Il reale potenziale passa, dunque, in secondo piano… andando progressivamente a scemare, ordinatamente dimenticato; agganciato, com’è, al passo generazionale in continua “aspersione AntiSistemica by Dominio” (la ragione fondamentale della forma).
L'aspersione è un atto tipico di cerimoniali religiosi, probabilmente fin dalla preistoria, mediante il quale un ministro di culto addetto al sacrificio asperge la vittima prescelta (o eventualmente sé stesso) con acqua lustrale (ovvero acqua benedetta o santificata).
Nella religione romana antica, come in quella moderna, l'aspersione avviene tramite un rametto di alloro o olivo, detto appunto aspergillum, immerso nell'acqua lustrale e spruzzato su ciò che deve essere asperso (di solito è la purificazione da compiersi prima di un sacrificio agli dèi inferi).
Per la religione cristiana, l'aspersione ricorda il battesimo e la Pasqua. Il significato rituale sta nella purificazione ottenuta attraverso la purezza dell'acqua
Link
  • probabilmente fin dalla preistoria (da “sempre, qua, così”)
  • mediante il quale un ministro di culto addetto al sacrificio asperge la vittima prescelta (“ministro di culto, sacrificio, vittima prescelta”)
  • nella religione romana antica, come in quella moderna (da “sempre, qua, così”)
  • di solito è la purificazione da compiersi prima di un sacrificio agli dèi inferi (“un sacrificio agli dèi inferi”)
  • il significato rituale sta nella purificazione ottenuta attraverso la purezza dell'acqua (“attraverso la purezza dell’acqua”. L’acqua è “benedetta”. Certo, ma… “prima ancora l’acqua è inquinata”. A livello frattale espanso, l’inquinamento è uno stato esistente e, molto spesso, al di sotto del livello della “tua” osservazione, capacità, diretta. Se “attraverso l’acqua” acquisisci un certo “stato preparatorio”, allora pensa anche al di fuori del cerimoniale, che cosa ti accade ogni volta che bevi o ti esponi all’acqua inquinata e non... "benedetta". Che cosa “assorbi”?). 
          
La “natura” frattale espansa, del reale manifesto, “è omnicomprensiva di ogni tipo di informazione”, essendo una sorta di memoria/database/registro/applicazione/programma/funzione… “utilità”.

Il mezzo vettore per il "segnale di clock", in un certo senso.
Auto contenendo tutto e non essendo alienabile del tutto, il Dominio la usa in maniera tale da permettere l’aggancio massivo alla relativa frequenza dominante, polarizzando la Massa stessa, così che “abbia sempre la sensazione logica di… fare sempre da sé, ossia, di desumere – persino – un certo grado di libertà”.

Ogni apparato di distribuzione del segnale, prevede sempre:
  1. un trasmettitore di contenuti
  2. un ambiente preposto al funzionamento, per distribuzione del segnale portante
  3. la ricezione (massiva).
Affinché la trasmissione possa avere luogo, la ricezione deve essere sintonizzata sulla “stazione emittente”
Da “lì”, giunge la motivazione al controllo previo, nativo, della/sulla Massa, permesso dalla caratteristica del reale manifesto e, prima ancora, 1) dalla legge, strumento, memoria, frattale espansa e 2) dalla natura dello "spazio sostanza", caratterizzato da "particelle fondamentali" indivisibili, oltre alla capacità tri-unitaria.
Qualcosa che ha preso forma, a partire dal Dominio, ma – soprattutto – qualcosa che “può prendere qualsiasi forma”, in funzione della “ragione emittente ed agente sul Genio frattale espanso”:
  • il Dominio
  • che polarizza, di conseguenza
  • ciò che emerge, manifestandosi “qua, così”
  • senza necessità alcuna di essere manifesto o… apparire alla luce del sole, alla “tua” coordinata (delegazione frattale espansa).
Cioè, se tu funzioni per agganciamento ad una sola frequenza (sintonia), allora, capterai una sola trasmissione di segnale portante. La “tua” è, così, una riduzione della potenzialità, inserita in un collo di bottiglia previsionale... ordinante ciò che, ad ogni effetto, ti sembra essere solo quello di cui disponi, diluendoti in qualcosa che, guarda non caso, ti prende in considerazione a livello fisico “per come appari e per come sei costretto/a ad apparire”.
Il “momento del disinnescoè stato perfezionato, dai Punti di Riunione AntiSistemici (indirettamente, inconsciamente e… per interesse), rendendolo sempre più esteso, sino a coprire il “tuo” tempo, per intero. In maniera tale da non lasciarti mai “solo/a”

Il Dominio è "oltre" le testa. La croce è piantata sull'intero Globo. Il simbolismo non è mai casuale, sopra a tutto, quando l'informazione "viene, avendo la coerenza di osservare sempre con la tua lente frattale espansa".
Per questo motivo, tutto ciò che accade, riaccade e rassomiglia sempre a qualcosa di familiare, ma che non riesci mai ben ad inquadrare (déjà-vu), perché… la sua “ragione” si auto mantiene al di là, di ciò che ti è rimasto possibile “osservare (seguendo quella logica, che ti è stata fornita ad hoc… per filtrare tutto in funzione dell’input dominante)”.
Accorgiti, or dunque.
SPS è un martello anche in questo. SPS rappresenta ed indica “un altro ritmo (segnale di clock)”, osservato direttamente il/dal reale potenziale.


Un esempio di “familiarità frattale espansa”? Il prossimo…
Italia chiede a Ue flessibilità bilancio per costi crisi Libia.
"L'Italia ha una forte aspettativa di vedere da parte della Commissione europea l'applicazione di un approccio coerente, durante la valutazione dei Programmi di stabilità", ovvero dei bilanci nazionali degli Stati membri, in particolare "non prendendo in conto nel calcolo del deficit, ai fini del rispetto del Patto di Stabilità Ue, l'intero ammontare dei costi sostenuti dall'Italia fin dall'inizio della crisi in Libia".
Lo si afferma in una dichiarazione che il governo ha fatto inserire nei verbali della riunione, svoltasi stamattina a Bruxelles, del Coreper, l'organismo tecnico del Consiglio Ue che prepara le riunioni ministeriali.
La nota accoglie con favore la decisione della Commissione di non considerare nel calcolo del deficit i contributi nazionali degli Stati membri alla "facility" da tre miliardi per la Turchia, riguardante il programma di assistenza finanziaria ai profughi in quel Paese, e sottolinea che questo stesso trattamento (scomputo dal deficit) dovrebbe essere riservato a tutte le spese sostenute dai paesi membri per la crisi migratoria, la sorveglianza delle frontiere, il salvataggio in mare dei migranti e la loro accoglienza.
Link
  • non prendendo in conto nel calcolo del deficit, ai fini del rispetto del Patto di Stabilità Ue, l'intero ammontare dei costi sostenuti dall'Italia fin dall'inizio della crisi in Libia
  • non considerare nel calcolo del deficit i contributi nazionali degli Stati membri alla "facility" da tre miliardi per la Turchia, riguardante il programma di assistenza finanziaria ai profughi in quel Paese, e sottolinea che questo stesso trattamento (scomputo dal deficit) dovrebbe essere riservato a tutte le spese sostenute dai paesi membri per la crisi migratoria, la sorveglianza delle frontiere, il salvataggio in mare dei migranti e la loro accoglienza.
Ebbene? A cosa assomiglia, frattalmente disquisendo, questa realtà?

A questa:
Mafia Capitale, Buzzi: “Con immigrati si fanno molti più soldi che con la droga”
Link
Roma, inchiesta Mafia Capitale: "Immigrati e rom rendono più della droga", le intercettazioni che svelano il business
Link
Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una”.
Tavola di smeraldo
Per fare i miracoli della “cosa una”: il Dominio, che usa la frattalità espansa.
"L'Italia plaude alla dichiarazione della Commissione che accetta che i contributi degli stati membri al fondo per la Turchia non siano considerati nel calcolo del deficit in linea con il fatto che la crisi dei rifugiati sia considerata 'un evento straordinario' fuori dal controllo degli Stati membri"...
Link
In linea con il fatto che la crisi dei rifugiati sia considerata 'un evento straordinario' fuori dal controllo degli Stati membri" (la “crisi” è contemporaneamente – senza andare a cambiare nulla nella sostanza di quello che riaccade – sia sotto al controllo, che fuori controllo… “degli Stati membri”, perché i livelli della gerarchia rendono tutti complici del Dominio, anche senza esserne consci e, dunque, anche solo conseguendo i “propri” interessi… nel nome di qualcosa che non esiste ma c’è: status quo).
L’autosuggestione è un “canale d’entrata” in te:
chi/cosa passa inosservato?
Chi/cosa entra? Chi/cosa inscrive dentro di te?
Perché lo permetti sempre? Perché non te ne accorgi

Poni, dunque, maggiore attenzione a ciò che ti sembra normale, naturale, ovvio… solo per consuetudine, svuotata del suo più autentico “significato frattale espanso (sostanziale)”.
Per non “farla troppo lunga, ogni dì”... SPS diluisce ciò che avrebbe espresso solo oggi, in una serie di più brevi articoli.
Il tema dei prossimi “anelli” sarà quello dei “rapporti Usa/Urss e dell’invasione dell’Europa di 70 anni fa”.
Per iniziare, prendi atto del valore aggiunto portato dalle prossime due immagini.
 
Link
Riteneva che la prima guerra mondiale avesse spianato la strada alla fondazione di un’Europa unita e federale, quale mezzo essenziale per garantire la conservazione da parte dell’Europa della propria autonomia”.
Conservazione… della propria autonomia”, rispetto a quale altro tipo di futuribile? A quale “alternativa”?
  1. una forzata alleanza sotto alla guida dell’Unione Sovietica (delle sue “mire”)
  2. resistere alla concorrenza degli Stati Uniti
Come dire “dalla padella alla brace”. No?


Fai attenzione, ora:
  • la Gran Bretagna ("per la sua funzione di potenza mondiale")
  • "avrebbe dovuto rimanere fuori dall’alleanza paneuropea"
ma
  • "avrebbe comunque avuto stretti legami con la federazione, agendo come mediatore con gli Stati Uniti d’America"…
Può, davvero, “una potenza mondiale” auto escludersi dal mantenere la propria “fetta di torta”, accettando il ruolo – apparente – comprimario del “mediatore”? Sì, solo se "c'è sotto qualcosa (se ha un interesse trasversale)".
Lo può fare se 1) conosce già il “futuro” (a partire dalla "sua" direzione intrapresa attimo dopo attimo), 2) accetta un ruolo molto comodo per defilarsi, senza perdere nulla relativamente alla propria continuazione che, di fatto 3) la rende ancora più indemagliabile, all’interno della trama di un tessuto... che non cambia mai, se non per stringersi sempre più, attorno al proprio centro dominante (ragione fondamentale, densità frattale espansa).
Lo schema logico è sempre lo stesso, nella sostanza (quello di "esserci sempre, anche se non si appare ufficialmente").


Gli Stati Uniti parlano ufficialmente l’inglese.
Essi sono formati dalla gran parte dei popoli della Terra, estraendo da questa diversità... delle risorse internamente allineate e predisposte a “fare le veci di un’unica grande nazione”. Un rinforzo della specie umana, messo sotto al controllo di un ideale unico:
gli Stati Uniti d’America.
La “madre patria” è, però, in Europa ed è l’Inghilterra che, guarda non caso, accetta il ruolo di “mediatore”, in maniera tale da far scivolare l’interesse di ritorno, Usa, lungo il piano inclinato che li porta direttamente in Europa, la terra di origine, il “vecchio continente”.
Inghilterra che “perde la guerra con le colonie d’oltreoceano”, nello stesso modo in cui “non perde mai, di fatto, il controllo dei propri ex territori imperiali, anche quando assumono - da sè - di essersi riusciti a liberare "della, di lei, ossessione”.
Gli inglesi sono, da sempre, degli abili scommettitori. E per “vincere” in un simile ambito, devi avere maturato una visione d’insieme, molto ma molto… coerente, ossia, “esatta”.
Le loro “scommesse” sono, in realtà, basate sulla certezza che hanno, relativamente al come andranno le “cose”.
Il boomerang è una sorta di “cavallo di ritorno, non casuale”, qualcosa che ricorda da molto vicino, ciò che succede con gli Usa, che “vengono scoperti” proprio per questo motivo:
  • distogliere l’osservazione dalle “vecchie dinamiche”, legate ad equilibri troppo incrostati per permettere che qualcosa di sostanziale possa ancora accadere
  • lanciando il “sasso” oltreoceano e creando (immaginando) una “nuova nazione”, gli equilibri si spostano, muovendo il centro di massa al di fuori dell’Europa che, così, diventa “terra di conquista”, resettandosi ed aprendosi alla creazione Usa… che tutto sembra, fuorché quello che è:
un abile mossa strategica per smuovere le acque ristagnanti, mischiandole a quelle più “fresche e dinamiche” dell’oceano, finalmente aperto e autorizzato a penetrare nel Mediterraneo e non solo.

Tutto ciò si muove e si dispone, a livello frattale espanso, a partire dal Dominio. Tutto è “sopra/sotto” ricollegato ad un’unica causa fondamentale, per la quale “tutto può succedere, tranne… l’unica cosa che non deve succedere:
ricordare ciò che è già successo”.
Le parti sono in lotta eterna tra loro, anche quando sono in “pace”.
Le parti, pur ricordando, non ricordano affatto.
L’unità centrale dominante, spinge per memoria frattale espansa, a far sì che le parti si riuniscano sempre di più, (ma) disinnescate... rispetto all’autentica portata relativa al “ricordare perché”. 
Link
  • gli Stati Unitistrinsero un’alleanza strategica con l’Unione Sovietica, rendendo possibile…
  • l’unica grande potenza industriale nel mondo a venirne fuori intatta – e anzi enormemente rafforzata, dal punto di vista economico – furono gli Stati Uniti, che si affrettarono a consolidare la propria posizione
Nulla è per caso.
I sovietici non dimenticarono le ripetute assicurazioni di Roosevelt che Stati Uniti e Regno Unito avrebbero aperto un secondo fronte sul continente europeo; ma l'invasione alleata non occorse fino al giugno 1944, più di due anni dopo la prima richiesta di Stalin.
Nel frattempo, i russi soffrirono notevoli perdite, attorno ai 20 milioni di morti
La seconda guerra mondiale provocò distruzioni enormi nelle infrastrutture e nelle popolazioni di tutta l'Eurasia, dall'Atlantico al Pacifico, quasi nessuna nazione tra quelle coinvolte rimase indenne.
L'Unione Sovietica venne colpita in particolar modo a causa della distruzione di massa della base industriale che aveva costruito fino agli anni trenta



Per assicurare l'influenza sovietica sull'Europa orientale e guadagnare del tempo, Stalin organizzò il Patto Molotov-Ribbentrop, un patto di non-aggressione con la Germania Nazionalsocialista
Link
Ergo:
gli Stati Uniti erano “alleati” – anche - del Terzo Reich (una prospettiva che "apre").


Un comportamento sottile, che li ha visti finanziare la Germania, prima di Hitler e rifornirla anche di quei “pretesti” utili proprio alla sua ascesa, come risposta di contrasto.
Lo stesso “disegno” utilizzato con l’Iraq di Saddam Hussein, ad esempio.
Arma e distruggi l’armato, per poi riarmarlo.
La storia che “conosci”, è quella del post “è già successo”.
Dopo che passa l’onda, l’onda ha interessato tutto, compreso il racconto storico che è, dunque, “deviato”.


  
Accorgiti…
  
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2016/Prospettivavita@gmail.com 
"Ogni giorno, da tutti i punti di vista, io vado di bene in meglio". Emile Couè