martedì 25 marzo 2014

Vedere mondi lontani scambiandoli per polvere cosmica e stelle.


Ogni essere umano è dotato di un proprio punto prospettico, infatti ogni essere umano "pensa". La quantistica afferma che ogni essere umano mette se stesso in tutto quello che osserva, per cui l’osservato risente della presenza dell’osservatore e, questo, accade ad ogni livello della struttura gerarchica d’appartenenza nelle 3d.
È fuori da ogni dubbio che esiste, anche tra gli umani, una struttura multilivello regolata secondo qualche ordine di grandezza, che si potrebbe definire “classe di merito” .

Continuando, possiamo affermare che:
  • ogni essere umano “vede le cose” a proprio modo
tuttavia
  • ogni essere umano partecipa ed  è inglobato, volente o nolente, in una scala gerarchica che l’età individuale stessa indica frattalmente e che lo obbliga insistentemente a seguire il tracciato del “filo comune”.
Quindi… come possono coesistere allo stesso Tempo, le due modalità antitetiche appena evidenziate? Semplice, appunto, osservandole in un insieme di contenimento più grande e comune, che ordina anch’esse gerarchicamente

Io posso vedere/pensare a mio modo, tuttavia, sono vincolato alla “tendenza massiva”, che coordina i liberi pensieri assoggettandoli al pensiero filo trasmesso, per ogni dove, attraverso le infrastrutture 3d (Anti)Sistemiche.

E, quasi paradossalmente, questa “tendenza massiva” non rassomiglia e non è opera derivante dal vivere d’insieme, ma è qualcosa che viene generato dagli ordini d’appartenenza superiori (a partire dal vertice), sino a scendere, a pioggia, negli ordini d’appartenenza inferiori (sempre più Massivi).


Meglio:
  • la tendenza massiva viene generata dall’insieme della Massa
ma
  • la tendenza massiva è ispirata/trasmessa dalle classi sottili dell’ordine gerarchico.
 
Qualcosa che è pienamente impresso persino nella storia deviata, che racconta di un genere umano che ad ogni latitudine ha da “sempre” conosciuto un potente, un sistema di potere e la classe umana sottostante, alla quale è sempre stato delegato l’onere della tassazione e del lavoro, che il mito di Atlante raffigura fedelmente attraverso la raffigurazione dell'intero Globo sulle proprie spalle "appesantite".


Da tutto ciò e senza essere un “esperto”… si evince, tranquillamente, che la società è ordinata secondo una intenzione superiore, dove per superiore si deve intendere:
formata anch’essa da vari livelli, che non appaiono completamente alla luce del Sole.
Per questo motivo è difficile comprendere a pieno i diversi gradi di “presenza”, che s’interfacciano tra loro in maniera anche non locale ed indiretta, seguendo leggi native dell’energia che sono state dimenticate, dai più, per via di un’opera di drenaggio sistematico che prosegue dalla “notte dei Tempi”, per opera di quegli ordini che hanno “più da guadagnare”, trattenendo il genere umano nel proprio insieme e nell’attuale posizione di stallo e (ri)configurazione a loop.
È un qualcosa di talmente "seducente", ad ogni livello, che risulta estremamente radicato a livello inconscio, ove si annida lo strumento di controllo inoculato pazientemente dal livello di potere maggiore che, a Filtro di Semplificazione attivo, corrisponde alla (com)presenza immanifesta del Nucleo Primo.
Per esperienza, ho imparato a comprendere che se si introduce insistentemente la figura controversa e “fantasiosa” del Nucleo Primo, coloro che leggono sviluppano in sé un senso interiore come di “asfissia”, ottenendo uno spostamento dell’attenzione che corrisponde ad un “modello di fuga” dal corpo centrale del messaggio che si intende trasmettere. 

Questa reazione è un vero e proprio sistema protettivo, messo in atto dallo stesso sistema di potere, che si attua non appena un ordine particolare di pensiero lo avvicina in maniera diversamente programmata. Questo sistema immunitario è estremamente funzionale e non agisce mai esponendosi direttamente, bensì, utilizzando la capacità stessa del modello umano (biologia, genetica, organicità, infrastrutture native d’ogni tipo), agendo e muovendosi dunque come un ombra e replicando/riflettendo in questo modo il suo creatore, ossia, colui che difende ed è difeso in maniera analoga, appunto, non comparendo mai direttamente.
Questa è la firma frattale di ogni opera creativa:
  • una traccia inequivocabile, che può essere letta/acquisita mediante viva e presente opera di consapevole “raccolta di dati e riconoscimento”, da parte di qualsiasi individuo o applicativo a carattere di Analogia Frattale.
Le attuali 3d (ri)sentono, ormai, totalmente della “firma” che le polarizza ed ordina, per cui… è diventato estremamente complesso, arduo ed impraticabile, sostenere un altro tipo di “credo”, rispetto a tutto ciò che agisce indisturbato da millenni, terra formando lo scenario “neutro” 3d, di fondo (circuito primario).
L’intero sapere deriva ed è funzionale ad un simile apparato di controllo, che agisce da sistema di condizionamento globale, in maniera tale da non lasciare nessuna possibilità di dubbio, in relazione al sapere stesso che viene insufflato per i "quattro venti"…
Ogni dubbio svanisce dopo un certo Tempo “fisiologico”, in quell’ambiente che (ri)sente della totalità impressa a livello di fondamento. Prova ne è il fatto che… se trattieni il fiato per una manciata di secondi, il tuo complesso vivente si ribella, ripristinando in breve l’atto preordinato ed automatico del “respirare”.

Dopo avere drenato l’antica conoscenza, fermata ai Tempi dell’ultima grande glaciazione, il Controllo ha operato in maniera tale da togliere la possibilità di dubitare, per un tempo sufficientemente grande da provocare un cambiamento radicale nei sistemi di (ri)configurazione dell’umano. 

E grande è stata l’opera strategica del proprio inabissarsi al fine di lasciare libertà virtuale ed apparente alle generazioni umane, che si sono susseguite nella convinzione ciclica di essere liberi ma di trovarsi, stranamente, sempre nell’esigenza di dover combattere per ottenere libertà, perché sempre sotto al controllo di un sistema di potere umano rappresentato dalle varie figure dei “regnanti” in successione.

Per osservare in maniera “altra”, il cammino umano, devi assumere la posizione superiore relativa al tuo vascello. Ti accorgerai delle varie modalità e strumentazioni di cui sei dotato
Salendo nei ponti più alti, il panorama cambierà. 
Le sue estremità si fisseranno, lasciando intravedere lo spazio che le attornia. Spazio diverso, rispetto a tutto quello che pensi di conoscere. Spazio vergine, bianco, non impiegato dall’attuale modello 3d, che gli esperti identificano secondo le leggi che hanno imparato a studiare attraverso i modelli accademici di clonazione delle menti.
Mentre studi un argomento, lo stesso argomento ti entra nella mente e si installa auto configurandosi in te.
Questo non è studiare ed apprendere ma è… essere posseduti.

Talmente posseduti da sentirsi autorizzati ed in grado di trasmettere il “proprio sapere” agli altri, che non hanno continuato il corso degli studi ma che,  non per questo, sono lasciati in balia di se stessi e della propria “libera conduzione esistenziale”.
Nulla sfugge ad un modello di imprinting siffatto che, realmente, risulta totale in una maniera del tutto inarrivabile per qualsiasi comparazione umana rifratta in qualsivoglia impiego di se stessi, in qualsiasi ambito dell’esistenza 3d.

Un “campione”, in qualsiasi attività/disciplina, è ciò che più si avvicina a quel tipo di potere derivante dalla totalità, che il Controllo ha raggiunto in sé da Tempo immemorabile.
Totalità: ciò che per un buon 95% un film di fantascienza o di spionaggio, ti racconta. Ciò che lo stesso film si rimangia clamorosamente nel momento del suo “finale”…
Che cos’è l’agenda setting?
L’ipotesi di agenda setting sostiene che le persone tendono a considerare importanti e reali soltanto le cose di cui parlano i Media, in particolare la televisione.
Ciò che non viene mostrato non esiste.
Come tu mi vuoi
È di questo che il genere umano si nutre, ormai

Di una differita costante nel Tempo e della dipendenza di una alimentazione di informazioni derivante da opera di filtraggio altrui, che corrisponde a pieno all’opera umana di allevamento o coltivazione intensiva.

I Media diffondono notizie, esaltano, affossano, drenano, insufflano… decidendo di fatto “il tuo modo di vedere e pensare”. 
Questo è l'equivalente della scoperta dell'acqua calda, ormai, vero? 

La strategia del Controllo è totale, ricordalo sempre. Esso utilizza gli umani per metterli contro gli altri umani, non a caso l’umanità è sempre stata in guerra contro se stessa, divisa e costretta allo sforzo continuo per non soccombere fisicamente di fronte alla forza e violenza del proprio nemico diretto, ignorando a pieno la presenza determinante del principio che ordisce senza mai essere visto né preso in considerazione per un attimo più grande di qualche attimo, prima che un sistema di protezione perfetto nasca direttamente dentro colui che nutre pensieri troppo pericolosi e danneggianti, potenzialmente, lo status quo derivante dall’attuale paradigma in corso d’opera (tutto d'un fiato).
Come fa SPS (Io) a continuare, allora, a trasmettere una simile modalità di erogazione dell’informazione “altra”, senza mai per questo pagare dazio?
Beh, negli ultimi tre mesi sono stato "male", secondo un modello ciclico di questo "male"...
Strategia e totalità… ricordi?

Fai attenzione:
quanto vale SPS in ottica globale? Nulla
quanto vale, dunque, per te, il segnale proveniente da SPS? Niente.

Ecco. Che cosa? Ecco la “falla che maschera l'uscita” dall’(Anti)Sistema:
l’umano è qualcosa che nella sua potenzialità risulta sempre sfuggevole. Vatti a riguardare le prime serie di Star Trek, ad esempio. Se tu ti “accendi”, il grado di totalità che ti contiene, viene superato. Inizialmente, l’opera di quell’umano verrà rilevata come “insignificante”, poi, assumerà le valenze ed i toni di una "minaccia", lenita solo in parte dalle ulteriori barriere di protezione, che agganciano e convincono ogni “illuminato” di essere su un cammino relativo al “conosci te stesso”, decretando in questo la fine di ogni velleità e pericolo per il modello (Anti)Sistemico di intrattenimento e contenimento.
Qualcosa che sa tanto di una sorta di "patteggiamento" e che lascia spazio alla percezione di qualcosa che si annida oltre alla serie di consuetudini vincolanti, senza alternativa apparente...
La verità di ordine superiore è relativa al costrutto imperativo ed imperante che “tutto ha un senso”, persino l’osservare un campo di concentramento da un aereo, senza più appartenergli, comprendendone la funzione educativa in termini auto educativi...
Un qualcosa che sa tanto ancora di “farsa”, di commedia o tragedia, sullo sfondo dell’opera davvero totale di un altro modello di potere che, probabilmente, “studia” senza Anima né sensibilità alcuna.
SPS è cambiato. Te ne stai accorgendo? Esistono livelli in livelli su livelli… e, davvero, è tutto possibile. Un simile mare magnum va navigato, andando "oltre" a tutto ciò che intrattiene secondo usualità.
Ho terminato di leggere libri interi perché:
  • così evito di approfondire per non disperdermi nell’approfondimento
  • evito di aprire un vortice dentro al quale corro il rischio di finire.
L’informazione in una infrastruttura frattale, giunge sempre e comunque. Essa nasce dal Sè, dopo che ci si è auto configurati nella maniera più idonea per ricevere e contenere un simile "valore".

Faccio attenzione, semmai, al “dettaglio sincronico”, che si ottiene quando ci si muove da una posizione interiore multi prospettica, consapevole (coraggio) e slegata da ogni forma di convinzione (paure) derivante da convenzioni assorbite con l’aria (respirate).
È, in pratica, ciò che per riflesso frattale "svuotato" in termini concreti… la Fede, la “divina provvidenza” manzoniana ed il Credo, in ambito religioso, hanno diffuso costantemente nel tessuto sociale:
non ti mancherà mai nulla di quello che ti serve: credi nel Signore Dio tuo.
Questa "svendita" ha disossato l’essere umano, mantenendo in forza un principio superiore che “non si sa nemmeno cosa/chi sia”. Le innumerevoli contraddizioni in tema e le verità non dimostrate ma regolarmente assorbite, dimostrano quanto virtuale, virale e parziale sia una simile prospettiva dominante.

In verità ti dico che: non hai la forza, ti manca la coerenza ed il coraggio… per andare al di là di tutto ciò che pensi di conoscere e che, seppure a proprio modo, costituisce tutto quello sul quale credi di poter contare per sopravvivere nelle attuali 3d.

Perché non hai la “forza”?
 
Beh… osservati approfonditamente, a partire da ciò che mangi, ad esempio.

Che cosa sei costretto a "fare/essere", ogni santa mattina? Sei felice?

Attenzione: non è solo un questione di necessità derivante da mancanza di reddito.

Anche coloro che hanno denaro in abbondanza, (ri)sentono di una simile varianza del loro campo energetico. Molti di essi sono solo arruolati in un ordine leggermente più alto rispetto al tuo, ma non c’è di fatto nessuna differenza nel trattamento basilare, di fondo, a cui si è tutti soggetti.
Le leggi superiori vengono onorate ma raggirate, agendo sul fatto “legislativo”… che l’ordine frattale non viene mai a mancare. Per cui, anche se ad un certo livello si agisce in un certo modo, il sistema “gps” energetico, (ri)calcola il percorso che, dunque, non potrà mai conoscere vero impedimento nel "lungo Tempo"...
Questo è l’alibi principale dell’(Anti)Sistema: uno sporco lavoro che qualcuno deve pur compiere.
Ciò evidenzia che esiste qualcosa ancora più “sopra” ed, in questo, di fatto… mi accorgo di essere intrattenuto nell’ordine mentale a livello di loop/vortice. Non se ne esce, se non triangolando e (ri)configurando la mente e i sistemi organici di connessione al “Cielo”.
Allora, funzione di SPS è anche fornire la chiave prospettica “altra”, in grado di (ri)calibrare, non tanto il modello di riferimento che “ha”, quanto la frequenza di funzionamento dell'individuo stesso, in maniera tale da provocare un suo spostamento nella possibilità di funzionamento.
Il frattale è, ad esempio, la diffusione dei personal computer o l’utilizzo dell’elettricità. Atti che hanno corrisposto ad una espansione della possibilità, pur mantenendo dentro all’(Anti)Sistema. 
Con la corretta consapevolezza, il dentro diventa un “fuori”

Non ci credi? Bene… allora seguimi in questa ultima manifestazione per quest’oggi.


La prima fotografia è di Londra di notte dal satellite. La seconda è una visione d'insieme di parte dell'Universo.
Se Londra di notte, vista dal satellite, dimostra che il punto prospettico è relativo all’alto, e questo è un dato di fatto… allora la visione abitudinaria inoltrata dalla Nasa & Co. deve dimostrare, allo stesso modo, che…
Stiamo osservando intere città e mondi disposti sopra di noi (è sempre un "sopra", visto che ogni osservatorio punta le proprie strumentazioni verso il cielo).
L’umanità ribalta la prospettiva ma, in realtà, essa vive sopra al vero “suolo”, che scambia per cielo e che scruta con i propri moderni telescopi come se fosse il proprio cielo.
L’umanità è, allora, come una nuvola che veleggia in un cielo molto diverso da come ha imparato a credere.

Cosa celano quei Mondi/città, che riusciamo a malapena a scorgere?

L’illuminazione dei loro “centri” è senza paragoni.

Esiste la Vita oltre alla nostra presenza? Beh… che cos’è tutto ciò che vedi alzando lo sguardo e... "guardando in basso"?

È Vita… è Vita.

E l’umano che cos’è? Una sonda lanciata in alto in un altro cielo? Un rappresentante di coloro che vivono in quelle enormi città? Un dissidente scomodo? Un  fuggitivo? O il loro Dio? E se ci stessero osservando nel loro cielo e stessero pregando proprio nella nostra “direzione”?
 
E se tutto fosse una allucinazione collettiva e tutto ciò fosse solo un muro con disegnate sopra le costellazioni?

Tutto è possibile… anche che l’umanità sia una Stella fissa nel cielo e che tutto quel brillare sia il cammino degli individui che sperano, lavorano, respirano, amano e si succedono in un meccanismo sempre sfuggevole e talmente variegato da rassomigliare ad un caleidoscopio osservato da un bimbo divertito.
 

In cosa credere?
In cosa sperare?

Accenditi e la prospettiva muterà di conseguenza: apriti e sboccerai.

Molto lieto di poterti essere d’aiuto, mente aiuto me stesso, qualsiasi Essere “Io Sono”.

Mentre la società sta ancora per cambiare d’abito:

Luxottica firmerà i nuovi occhiali Google.
Luxottica Group e Google Inc. annunciano oggi di avere raggiunto un accordo che unirà le loro forze per progettare, sviluppare e distribuire una nuova generazione di occhiali per Glass.
Si tratta di una collaborazione strategica di ampia portata tra Luxottica e Google che lavoreranno insieme per creare dispositivi indossabili innovativi e iconici. Grazie a questa partnership, Luxottica e Google, leader nelle rispettive industrie, combineranno lo sviluppo di nuove tecnologie con un design all’avanguardia. In particolare, le due aziende formeranno una squadra di esperti dedicati a design, sviluppo, strumentazione e ingegneria dei prodotti Glass che uniscono moda e lifestyle all’innovazione tecnologica

"Viviamo in un mondo in cui l'innovazione tecnologica ha trasformato radicalmente il nostro modo di comunicare e di interagire in tutto ciò che facciamo. Ma la cosa più importante è che siamo arrivati a un punto in cui abbiamo contemporaneamente sia una forte offerta di tecnologia che una domanda da parte del consumatore di dispositivi e applicazioni indossabili" Andrea Guerra, Chief Executive Officer di Luxottica Group

Questi prodotti innovativi saranno il risultato di un nuovo approccio strategico che, unico nel suo genere, riflette l’attenzione per il dettaglio, l’elevatissima qualità e il contenuto tecnologico sviluppati grazie ad una esperienza maturata nel mercato globale

La raffinatezza e l'eleganza di questa nuova generazione di prodotti rappresenteranno un fondamentale passo avanti in una categoria in continua evoluzione, accrescendo l’esperienza del consumatore.
Link

Come vedrai la realtà coi nuovi apparati tecnologici che monterai sul volto?

Sono guarito, perché “Tutto… Dipende da me". 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com