venerdì 31 dicembre 2010

L'ascensione di Internet: una nuova Alba.





Leggere Karen Bishop su StazioneCeleste è sempre fonte di “conferme”. Riporto una porzione del suo ultimo contributo all’Ascensione umana. È certamente utile leggere l’intero scritto, perché testimonia almeno sei mesi, gli ultimi del 2010, di permanenza perlomeno strana sul pianeta. 

È in corso ancora l’opera di "pulizia"? 

Io penso di sì, essendoci ancora dentro in pieno. D’altronde il “raccolto” non matura tutto insieme…

Dicevamo al nostro veicolo di girare a destra, e quello andava a sinistra. Pigiavamo sul freno e andavamo avanti. Davamo il gas e andavamo indietro. Iniziavamo qualcosa di nuovo, ci entusiasmavamo e il giorno dopo la cosa si sgonfiava. Cercavamo di pensare a qualcosa di nuovo e questa non si concretizzava. Un pezzetto si infiltrava, seguivamo le briciole (le pochissime briciole) e quello spariva improvvisamente. Quello che stava succedendo, era un tentativo di restare attaccati a una nuova spiaggia, mentre stavamo ancora scorrendo giù lungo il fiume, non era ancora la nostra vera destinazione. Non era ancora stato sgombrato abbastanza da poter rivelare l’energia nuova e intatta che doveva rimanere. Non era ancora il momento di agganciarsi a qualsiasi cosa.

Per tutto questo tempo eravamo divinamente protetti. Piuttosto stranamente, tutte le nostre necessità venivano soddisfatte, anche se con modalità strane e insolite. Qualcosa sapeva più di noi, che c’era una luce in fondo a questo tunnel, anche se ci veniva impedito di conoscere noi stessi, ed essa ci ha guidato e ci ha protetto tutti lungo il cammino. Questo qualcosa, questa bellissima energia proveniente dall’alto, questi angeli gloriosi che continuano a vegliare su di noi, ci hanno fatto svoltare e imboccare percorsi che ci avrebbero tenuto al sicuro, illesi il più possibile e, soprattutto, in allineamento con i nostri nuovissimi spazi, anche se eravamo ancora incerti riguardo a quali e dove fossero questi spazi.

Dopo aver finito di sperimentare il massiccio tunnel di pressione creato da tutti gli eventi celesti, a iniziare dal solstizio, siamo finalmente atterrati da qualche parte, l’8 Agosto. Forse abbiamo sentito di essere finalmente “da qualche parte”, di essere finalmente a casa e di poter tirare un sospiro. Ma solo per qualche giorno, perché non è durata. Durante questo periodo, forse ci siamo sentiti come se fossimo in un universo parallelo o, forse, come se fossimo tornati indietro nel tempo, o addirittura incerti di dove fossimo veramente. Come due enormi navi attraccate fianco a fianco nel porto, che tentano di connettersi l’una con l’altra, un universo parallelo con l’altro, forse ci siamo sentiti alla grande, ma solo per circa quattro giorni.

Siamo stati sbalzati fuori dalla nuova connessione. Le cose si sono fatte davvero dure dopo questo perché non c'era niente a cui aggrapparsi, allora. Piani che erano stati messi in atto sono stati repentinamente modificati. Nuove informazioni ricevute, improvvisamente non sono state messe in atto ed è lì che le cose si sono fatte davvero difficili.
 
Molte anime, durante quel periodo, hanno lasciato il pianeta. Il mio ex marito, Phil, è morto all’improvviso a causa di un forte attacco e un infarto. Con tutte le perdite e il deterioramento di quel periodo, è stato un momento difficile per tante persone. Mentre Agosto si avviava alla fine, sono finiti anche i “bombardamenti di energia”. Poi è cominciato il “rilascio” (le vertigini e i capogiri avvertiti dai nostri corpi di luce, che ci aiutavano a portarci in qualche nuovo posto, erano comuni durante quel periodo). Stavamo cominciando un processo per essere liberati dai vecchi obblighi e da gran parte di qualsiasi cosa ci stesse trattenendo. Arrivati a metà Settembre, il processo di rilascio stava accumulando energia ed era chiaro il messaggio che avevamo finito. Avevamo completato questa fase monumentale e avevamo finalmente terminato. Avevamo finito tutto ciò che avevamo concordato di fare nell’ultimo anno e avevamo finito anche tutto ciò che avevamo concordato di fare per l’intero primo libro del processo di ascensione. Eravamo liberi e sgombri. Forse ci è venuta improvvisamente voglia di viaggiare, di cominciare una vita nuova di zecca e via dicendo, mentre ci apprestavamo, finalmente, al nuovo.

Anche se molti di noi hanno vissuto grandi sfide, durante questo periodo, ci sono stati altri che hanno mantenuto stabile il livello sotto di noi. Il loro lavoro prosperava ed essi sembravano indenni. “Perché io sto soffrendo così, mentre Joe sta vivendo il suo anno migliore?”, ci saremo forse domandati. “Vengo punito per qualche motivo?”. Non tutto poteva fare la transizione in una volta, né crollare in una volta, altrimenti il pianeta sarebbe stato ridotto a una catastrofe! Quindi, ora che molti di noi hanno “finito”, ci connetteremo l’uno con l’altro e creeremo una griglia nuova di zecca. Uno “spillo” energetico è stato puntato per mantenere stabili le cose, fin quando queste nuove connessioni saranno complete. E quando lo saranno, questo “spillo” sarà tolto e il livello sotto di noi inizierà a collassare.

Collasserà anche internet? Nessuno è in grado di predire uno scenario del genere, ma essa ha di certo superato il suo scopo originale ed è contaminata, come molte altre aree. Anche il movimento “New Age” è finito, ma il luogo in cui ci ritroveremo ora è un campo di gioco pianeggiante, con quelli che sono in armonia con noi attraverso le connessioni del cuore.

Molti hanno fatto passi da gigante durante questo periodo. Abbiamo sistemato i nostri schemi energetici personali là dove necessitavano di essere sistemati (io non ho ancora finito!) e, in questo modo, siamo finalmente stati in grado di connetterci l’un l’altro come era previsto in origine. Le nostre energie ora sono molto più fini, se lo permettiamo. Ma ci sono ancora altri che non hanno scelto di trarre beneficio dal guardarsi dentro e apportare dei cambiamenti. Ci ritroveremo a connetterci con quelli a cui apparteniamo, e grazie al cielo, perché non possiamo più proseguire da soli. Abbiamo bisogno di questa nuova griglia ed essa sarà formata da ognuno di noi, singolarmente, che ha scelto di rimanere e continuare con la creazione e/o l’esperienza del nuovo pianeta terra.

Augurandovi il paradiso nel cuore, la luce delle stelle nell’anima e i miracoli nella vita, durante questi tempi miracolosi.

Karen Bishop

Da StazioneCeleste

È con questa lucida riflessione dell’amica Karen che auguro a tutta l’umanità una nuova Alba.
 
Al 2011…
 
Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2010
 
 

giovedì 30 dicembre 2010

Ad ognuno la sua "collezione".






Scrivo per evidenziare, perché è una valvola di sfogo per me, proprio come quella antisismica di Ighina. Dunque non per demonizzare o per fare del complottismo, nossignori. Scrivere alla mia maniera è… Liberatorio e solleticante e, penso, “utile” all’intera comunità. Sapete? È solo questione di tempo, prima che questo Blog venga scoperto ufficialmente “dai più”… Solo questione di tempo

C’è troppo lavoro e passione che attendono di “sfamare” le persone. 

Da queste righe non si trasmette pazzia o correnti d’abitudine, ma effetti shock necessari a far riemergere gli intenti dai “semitoni” bloccanti della Legge d’Ottava. Infatti, ogni buona idea che decidiamo di percorrere nella Vita, quasi immediatamente si arena nel pantano dell’indecisione e dello smarrimento: ci avete fatto caso? 

Gli eventi più visibili sono proprio quelli legati alla voglia di cambiare che ci prende quando siamo in “vacanza”, soprattutto nelle “lunghe” ferie estive; quando abbiamo la possibilità di riflettere sotto all’ombrellone, per esempio. 

Qual è il frattale che autorizza a ritenere un’ampia verità ciò che accade durante quel periodo, ossia la tanta voglia di cambiare? Proprio il fatto che, al nostro ritorno a casa, la Tv bombarda di pubblicità relative al collezionare, al “fare”, all’iniziare qualcosa di nuovo. 

Questa pioggia di forme di collezionismo, costituisce una ridondante forma di bentornato che aspira l’energia “nuova” che ci stava abitando ed inspirando in maniera diversa dal solito

Per questo motivo, solitamente, le vacanze sono un “inferno”: non possiamo stare troppo bene perché, altrimenti, iniziamo a generarla in maniera pericolosa per l’Antisistema. Cos’altro succede, allora, al nostro ritorno a casa dalle vacanze? Che arriva la cosiddetta “stangata” economica, proprio come è successo in questi giorni: 1000 euro in più a famiglia, nel 2011, tra rincari e compagnia bella. 

Che caso. Vero? 

Ecco le due dinamiche all’opera:
  1. le vacanze ci permettono di essere un po’ più noi stessi, per cui generiamo energia di tipo diverso, energia di tipo “proattivo”
  2. l’Antisistema provvede ad irrorarci, allora, di nuove dosi d’incantesimo per aspirare via la nuova energia prodotta
Come ben sappiamo ormai, le dinamiche sono duali in questo scenario 3D, ma in realtà gli stati sono almeno tre. Il Terzo stato quantico è la sommatoria dei primi due, ossia la nostra “risposta” alle loro interazioni

È la spinta vettoriale che riusciamo ad imprimere alla nostra facoltà di co creazione. È il nostro potere che non può essere soppresso ma solo, eventualmente, incanalato proprio come si incanala l’acqua al fine di ottenere energia elettrica.

Il cambiamento è sempre in atto e lo possiamo vedere ad ogni “latitudine”, persino tra le vecchie “ossa” dell’edificio della Chiesa Cattolica:

“La Chiesa cattolica (dal greco: καθολικός, katholikòs, cioè "universale") è la Chiesa cristiana che riconosce il primato di autorità al vescovo di Roma, in quanto, secondo la fede cattolica, successore dell'apostolo Pietro sulla cattedra di Roma.
Il nome richiama l'universalità della Chiesa fondata da Gesù Cristo, la quale viene dichiarata sussistere nella Chiesa cattolica visibilmente organizzata, senza con ciò negare e anzi affermando la presenza di parecchi elementi di santificazione e di verità nelle altre Chiese separate da essa”.
Da Wikipedia

Ecco anche di cosa si “occupa” il Papa nella sua universalità:  

Ior, Papa impone normativa antiriciclaggio alla Santa Sede.
Gli istituti finanziari della Santa Sede, a partire dall'Istituto per le opere di religione (Ior), dovranno attenersi d'ora in poi alla normativa antiriciclaggio europea già recepita nell'ordinamento italiano.
È quanto stabilito dal Pontefice nella lettera apostolica "Motu Proprio", la cui pubblicazione è attesa domani, come si legge sul sito del Vaticano.
Papa Benedetto XVI ha inoltre deciso di istituire l'Autorità di Informazione Finanziaria (Aif), il cui statuto sarà contenuto anch'esso nella "Motu Proprio".
La violazione del decreto numero 231 del 2007 che recepisce nel diritto italiano la normativa comunitaria sulla prevenzione del riciclaggio comporta la reclusione da 6 mesi a un anno e ammenda da 5.000 a 50.000 euro.

Nei mesi scorsi lo Ior è finito al centro di un'inchiesta della Procura di Roma sulla presunta violazione delle norme antiriciclaggio, che ha comportato il sequestro di 23 milioni di euro.

L'inchiesta riguarda due distinte operazioni: una per 20 milioni di euro destinati alla JP Morgan Frankfurt, e un'altra di 3 milioni di euro per la Banca del Fucino.
Il 15 settembre scorso, l'Unità di informazione finanziaria della Banca d'Italia aveva segnalato le transazioni - considerate sospette, anche perché prive dell'indicazione dei beneficiari - alla Guardia di Finanza, bloccandole per cinque giorni.

Nell'ambito dell'inchiesta i magistrati hanno indagato il presidente e il direttore generale della banca vaticana, Ettore Gotti Tedeschi e Paolo Cipriani.

Il Vaticano, tramite il portavoce Padre Federico Lombardi, aveva parlato di "un inconveniente" tra le banche coinvolte e aveva sottolineato il fatto che si trattasse solo di trasferimento di proprio denaro tra conti correnti a esso intestati.
Lo Ior gestisce in gran parte fondi del Vaticano e degli istituti religiosi nel mondo quali organizzazioni di beneficenza, ordini religiosi e ospedali cattolici.
Lombardi aveva spiegato che lo Ior non è sotto la vigilanza della Banca d'Italia perché ha sede in uno stato sovrano ma intende rispettare le norme della Comunità Europea e dell'Ocse mirate a combattere il terrorismo e il riciclaggio.
 
Domani, dice il sito del Vaticano, saranno pubblicati la "Lettera Apostolica 'Motu Proprio' del Santo Padre concernente la prevenzione ed il contrasto delle attività illegali in campo finanziario e monetario" e la "legge concernente la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo".
Fonte: Yahoo

Tutti quei soldi che transitano su conti correnti della Chiesa. In maniera sospetta. Fuori dal controllo degli organismi ufficiali. Con grande beneficio di chi? Una Chiesa che è sempre con la mano aperta alla ricerca di elemosina che poi accumula? Perché? 

Chissà se il buon Assange potrebbe suggerirci qualche idea a tal proposito.

Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2010 

 

mercoledì 29 dicembre 2010

Cambiare è anche soffrire.






Durante queste “vacanze” mi sono ripromesso di scrivere delle pillole d’articolo come l'estate scorsa, per non togliere troppo tempo alla famiglia e al tempo “libero”. 

Ieri sera, dialogando a tavola, mi è venuta naturale questa riflessione. Io e mia moglie, che stiamo portando avanti un cammino di consapevolezza anche nell’ambito del “cosa mangiamo”, eliminando gran parte delle abitudini consolidate nel tempo pre cambiamento ed adottando nuovi regimi basati sul “sentire”, ebbene… Abbiamo spesso dei "problemi". 

Altri familiari che si cibano secondo i canoni della tradizione mediterranea, suggerita anche dai Media, sembrano permanere in un equilibrio fisico più consistente. Questa riflessione, tuttavia, è ampiamente illusoria e mal si adatta ad analizzare i due “modelli” di alimentazione. Perché? 

Perché la salute che a prima vista è presente negli “altri”, è in realtà un qualcosa che maschera degli “imbarazzi” che si mischiano usualmente al vivere quotidiano, tipo tosse, catarro, gonfiore, dolori vari, etc. 

Ossia, tutti sintomi che vengono fatti rientrare nella normalità

Che sarà mai un po’ di tosse? O quel dolore alle articolazioni. O quel mal di testa che ogni tanto viene.

Il malessere che colpisce me di tanto in tanto, non ha le stesse fattezze. Lo percepisco come un segnale del corpo, un segnale relativo al cambiamento in corso, voluto dalla mia intenzione di “volermi bene”, capendo, intuendo, cambiando… Dicendo no alla carne, allo zucchero, ai dolci, etc. Compiendo con senso di partecipazione, con consapevolezza, una scelta in linea con il mio modo di pensare e dunque di essere.

È paradossale la cosa, perché chi sceglie di cambiare, in questo senso, si trova quasi penalizzato rispetto a chi continua a “fare” alla vecchia maniera consolidata nella testa e dunque nel corpo

È come prendere un drogato e togliergli la dose quotidiana: risultato? Starà male.

La disintossicazione in corso fa stare anche male

Mi considero come un drogato che sta cercando di “uscire dal tunnel”. Il nostro "modello" non è visibile in termini di esempio da seguire, perché provoca anche malessere, in quanto si toglie al corpo ed alla mente quelle sostanze “deleterie” a cui, però, ci si è abituati nel tempo, anche in questo caso obbligando il nostro essere “mente corpo” a mutare.

Come posso essere d’esempio se sto male cambiando abitudini alimentari? È questo che si vede nell’immediato: uno stato di precarietà che non fa prendere in considerazione, da parte di coloro che osservano e che, seppur con scetticismo, sarebbero pronti a “provare”.

Lo stato alimentare non è l’unico aspetto da tenere d’occhio per vivere in salute, perché il cambiamento in corso è totale e progressivo. Le energie che spirano sono molte, mutevoli e robuste. Ad esempio, una liberazione di Kundalini può provocare uno stato di generale malessere che non dipende da quello che si mangia. La preparazione dell’individuo a gestire una simile energia è quasi pari a zero e, dunque, il regime alimentare diventa un qualcosa persino di secondario…

Coloro che si aprono al cambiamento non vivono solo rose e fiori. È dunque paradossale e girata, come al solito, a 180 gradi la visuale lungimirante da avere e mantenere al fine di meglio comprendere le dinamiche che intercorrono sul vascello umano, quasi sempre in balia delle onde di accadimenti a cui non si è preparati. Questa preparazione è certamente disponibile in termini di informazioni, ma nel reame dell’Antisistema è tutto confuso e lo “sforzo” da compiere è divenuto ormai notevole per dotarsi della necessaria conoscenza necessaria

Però possiamo fare molto anche al “solo” livello intuitivo, bypassando ogni tipo di artifizio o illusione proposta in questo scenario 3D.

Morale: il cambiare fa andare incontro a delle “crisi” di purificazione simili a quelle del drogato che intende “smettere”. Queste crisi vengono prese, dal punto di vista degli “altri”, come delle scuse, costruendosi un alibi per rimanere nel proprio status abitudinario e obnubilante e addirittura per giudicare coloro che temerariamente ed opportunamente hanno risposto ad una chiamata irresistibile… 

In qualche modo l’Anima è riuscita ad aprirsi un “varco” contattando la Coscienza incarnata o, chissà, forse il contrario, vista la natura originaria di questo scenario 3D di tipo educativo. 

Un'ultima considerazione: quando si fa un viaggio e si va in un paese in cui vigono altre abitudini alimentari che non si possono eludere, cosa ci succede? Non stiamo bene. Perchè? Perchè non siamo abituati. Quell'improvviso cambiamento, anche presente nell'acqua e nell'aria, obbliga il fisico ad un lavoro straordinario di adattamento e modificazione.

Proprio ciò che succede a chi, senza viaggiare, cerca di cambiare abitudini alimentari secondo un proprio sentire. Per capire ancora di più sarebbe utile leggere il "lavoro" di una Vita intera ad opera di Mère, ossia la sua Agenda...

 

martedì 28 dicembre 2010

Ndm-1 e scie chimiche: la rivoluzione è servita.





Qualche giorno fa ho rammentato la storiella del “Al lupo. Al lupo”. Leggendo questa news, sembrerebbe proprio che, anche quest’anno, ci “stiano riprovando”. 

Altro pericolo di pandemia. 

Ora le pandemie diventano addirittura annuali. Piuttosto, questo “superbatterio” ricorda molto da vicino l’artificiosità del virus HIV.

Personalmente è da questa estate che ho notato una virulenza molto strana nell’aria. Una infinità di influenze intestinali molto intense sembra essersi abbattuta, perlomeno nelle zone di mio “interesse” quotidiano. Anche la percezione di un “qualcosa” di strano è molto viva. Però sono solo delle mie sensazioni, per carità; anche se comunque alcune le ho vissute direttamente sulla mia pelle

La zona in cui abito è sopra la direttrice di volo dell’aeroporto della Malpensa, per cui file di aerei fanno la spola proprio sopra i “miei cieli”. Non so cosa scarichino nell’aria, ma ci sono certi tramonti, in cui la luce del Sole mette in grande risalto la scacchiera di “fumi” tracciata dai velivoli. Ci sono foto, in internet, di aerei con tanto di serbatoi misteriosi o supplementari, con fori di uscita del contenuto che pertanto non può essere carburante. 

L’anno scorso le aziende del farmaco hanno realizzato grandi utili dalla trovata della “Suina”, proprio in un anno battuto dalla crisi e, dunque, potenzialmente “stitico” in termini di grandi realizzi, proprio come le banche, soprattutto americane, che hanno registrato paradossali utili, soprattutto derivanti dalle sezioni di trading alias dedite alla speculazione

In assenza di nuove regole le vecchie impostazioni rimangono intessute nel campo energetico umano, continuando ad eseguire la propria “mansione”. 

Un superbatterio resistente agli antibiotici.
New Delhi - I casi di contagio in Italia al momento sono due. Proviene dall'India e si è già diffuso in vari paesi europei (il Regno Unito, la Francia, la Svezia, l'Olanda) e dall'altra parte dell'oceano in Canada e negli Stati Uniti. Il problema è che nessun farmaco è in grado di combatterlo

È un microorganismo denominato NDM-1

Il potenziale del gene NDM-1 di diventare endemica, cioè causare una epidemia a livello mondiale, è spaventoso, dicono i ricercatori. Che cosa fa questo microorganismo? Può provocare polmoniti, setticemie e infezioni. Come si prende? Le persone contagiate sono persone che sono state in Asia, soprattutto ovviamente in India, ad esempio i due italiani, anche se esiste un micro focolaio nei Balcani. Altri contagiati, in Inghilterra, si sono recati in India per degli interventi di chirurgia estetica, visto che questo tipo di interventi in madrepatria sono molto costosi e sono tornati con l'infezione. Da parte sua l'India respinge sdegnata ogni responsabilità. Il ministero della Salute indiano in un comunicato stampa ha definito "sleale collegarlo all'India". Ma NDM-1 non è in realtà l'unico caso di batterio resistente agli antibiotici. Il professor Giovanni Rezza dell'Istituto superiore di sanità spiega che "ci sono altri batteri che sono residenti nelle stesse classi di antibiotici di NDM-1 e che circolano nel nostro paese" dice. Ma cos'è un NDM-1? 

È un gene in grado di saltare tra diversi batteri acquisendo una resistenza unica anche ai carbapenemi, antibiotici ultimo baluardo contro i microrganismi resistenti.

Il parere dell’esperto - Il professor Moellering, contattato da Ilsussidiario.net, responsabile del reparto di ricerca medica dell'università di Harvard, ha le idee chiare al proposito. "Per prima cosa" ha detto "NDM-1 non è un batterio. Si tratta in realtà di un elemento genetico trasferibile, una parte di dna, che contiene non solo i geni che codificano il NDM-1 ma anche altri geni resistenti. La sigla NDM-1 sta per "New delhi Beta-lactamase 1". E' una sigla che sta a significare la sua capacità di distruggere gli antibiotici beta-lactam e la località dove è stato isolato per la prima volta, New Dehli. Il suo principale problema è la capacità di trasferirsi in mezzo ad altri tipi di batteri che provocano infezioni". Che tipo di infezione provoca l'NDM-1? "In genere si tratta di infezioni al sistema urinario o infezioni alle ferite. Ma può provocare un gran numero di malattie serie e anche mortali. Un recente caso di diverse infezioni all'interno di un ospedale di New York fu causato da batteri di Klebsiella che contenevano l'enzema KPC: morirono il 40% dei pazienti infettati". L'NDM-1 è a rischio contagio mondiale? "Da quando è stato scoperto nel 2008, si è esteso in tutto il globo. Lo si è trovato negli Stati Uniti, Canada, Austria, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Svezia, Regno Unito, Oman, Africa e Australia ed è molto plausibile che sia già in altre nazioni dove ancora non è stato identificato. In più, si è scoperto che le persone infettate in molti casi provenivano da viaggi effettuati in India e Pakistan. Ma la cosa più problematica è che si sono prove che l'elemento genetico dell'NDM-1 ha già cominciato ad attaccare batteri diversi dal Klebsiella dove fu originariamente individuato la prima volta".
Da Yahoo

"Una parte di dna" - nel mondo invisibile dei batteri è in corso una “rivoluzione”? Che sia procurata o naturale non fa differenza ai nostri fini, perché comunque ci troveremmo ad affrontarla in ogni caso. E dato che nulla è per caso, chiediamoci cosa stia scombinando a tal punto il nostro equilibrio da liberare certi “mostri” per le vie della Creazione. Mostri che in condizione di equilibrio sono “solo” degli utili e grandi amici.  

Questa rivoluzione, in realtà, penso non sfugga del tutto alle regole evolutive…

"Non c'è niente di costante tranne il cambiamento" Buddha

lunedì 27 dicembre 2010

La fissità mutevole.




Nello scritto profondo, estratto dal quinto libro dell’Agenda di Mère, caramente inviatomi dall’Amica Loredana, possiamo trovare preziose riflessioni che ricollegano al concetto di "ritmo" evidenziato anche da Ighina.

Ecco Mère:

“Nella visione di Dio non esiste vicino o lontano, presente passato o futuro. Queste sono soltanto le linee prospettiche con cui Egli disegna il quadro del mondo. Per i sensi resta sempre vero che il Sole si muove attorno alla Terra: ma ciò è falso per la ragione. Per la ragione resta sempre vero che la Terra si muove intorno al Sole : ma ciò è falso per la visione suprema. Non è la Terra  a muoversi, né il Sole: c'è solo un mutamento di rapporto fra la coscienza  solare e la coscienza  terrestre”.

Ecco Ighina:

“In questo periodo, le sue ricerche lo portarono a delineare il concetto di ritmo magnetico Sole-Terra
Ighina dichiarò nel suo libro di aver scoperto ed osservato l'atomo magnetico all'età di sedici anni, tramite un particolare microscopio di sua invenzione, e di averlo diviso in monopoli magnetici: il monopolo positivo sarebbe l'energia solare, che arriva alla terra in forma spiraliforme e riscalda tramite frizione, mentre dalla Terra partirebbe il monopolo negativo che si ricondurrebbe al Sole tramite un ciclo a spirale contraria. Lo scontro tra queste due ipotetiche particelle pulsanti creerebbe la vita e la materia, ognuna caratterizzata da un proprio ritmo.
Sempre secondo Ighina, al centro del Sole vi sarebbe un cuore magnetico che pulsa al ritmo del cuore umano”.
Da Wikipedia

Sono molte le “fonti” che narrano di ritmo Sole Terra e di “fissità mutevole”. Un concetto che ha creato il mito del “libro del destino” e ha confuso tanto le idee all’umanità.

In questa odierna miniriflessione, fa sorridere come venga definito Ighina nelle pagine di Wikipedia:

“Pier Luigi Ighina (Milano, 23 giugno 1908 – Imola, 8 gennaio 2004) è stato uno pseudoscienziato italiano”.

È questo un utile indicatore di quanto l’Antisistema sia ancora radicato nella mente umana.

È solo una questione di Tempo” è un mio pensiero che riconduce e riassume il concetto di fissità mutevole o in movimento.

L'uomo è un essere di transizione”. Sri Aurobindo

 

venerdì 24 dicembre 2010

Tristezza sottile natalizia e luce nascente.





Cosa ne è stato dello Spirito del Natale? È forse finito dentro ad una lattina della Coca Cola? Lo dovremmo ordinare tramite una lettera o una e-mail indirizzata a Babbo Natale che risiede al Polo Nord? È possibile comprarlo o affittarlo? Si può pregare o invocarlo andando a Messa? E se lo comprassimo su E-Bay? Accetteranno la carta di credito? Forse è meglio attendere i saldi, per risparmiare. Lo possiamo osservare scrutando il cielo o visitandolo in sogno?

Naa. Non sappiamo, in realtà, nemmeno di cosa si tratti, non sapendo cosa sia l'Amore incondizionato, quel sentimento che solo intuiamo lontanamente quando abbracciamo i nostri figli senza desiderio di possesso della loro esistenza.

Ormai le tradizioni narrano di feste e festeggiamenti. Di alberi luminosi strappati alla Terra o di plastica con luci in fibre ottiche. Di regali immancabili e di un “sano” consumismo. 

E poi c’è la “solita storia”, avete presente? Quella di Gesù bambino che si interseca con il mito di Babbo Natale

Ma non sono due cose differenti? Cosa c’entrano l’una con l’altra? Sigh. Le idee sono perlomeno confuse. Ma come? Non dovremmo conoscere a menadito la storia della nostra “cultura”?

Sorry. Forse è solo un problema mio! 

Quest’anno non faccio nemmeno lo sforzo di cercare nella sfera magica di Internet come stiano le cose. Riordinare le idee alla vigilia di Natale, nutrendosi di quello che impone la storia, non è più per me una via praticabile: la trovo troppo comoda e frettolosa, come il vivere di agi e d'ozio. Ma non rimarrò "fermo". Agirò cercando in altra maniera, magari anche... Improvvisando, rovistando dentro di me. Voglio "farina del mio sacco"...

Nel grande stravolgimento degli eventi che c’è certamente stato, ognuno di noi è ancora oggi in una condizione sottosopra, proprio come se fosse passata una grande onda.
Quest’anno seguirò “moti interni” solo incoraggiati dall’aiuto di una prospettiva rispettosa e, forse, diversa degli eventi raccontati. Quest’anno mi nutrirò di simboli o di archetipi minormente strombazzati dalle… Abitudini, piuttosto che dalle antiche tradizioni.

"I simboli divini che, di quando in quando, furono donati all’umanità, parlano a quell’insieme di verità che è depositato nel nostro cuore, risvegliando la nostra coscienza a delle idee divine che sono fuori della portata delle parole. Perciò il simbolismo, che ha giocato un ruolo di principale importanza nella passata evoluzione, è ancora una necessità centrale per il nostro sviluppo spirituale, se ne consiglia quindi lo studio, fatto tramite il nostro intelletto ed il nostro cuore" Max Heindel

Ecco la mia unica riflessione, incoraggiata dall’apporto della “ricerca intuitiva”:

Da secoli si ripete questa storia senza capirla, perché il simbolismo universale è andato perso. Per esempio Giuseppe e Maria sono due simboli della vita interiore: il padre Giuseppe è l’intelletto, lo spirito dell’uomo, il principio maschile; la madre Maria è il cuore, l’anima, il principio femminile. Quando il cuore e l’anima sono purificati lo Spirito Santo (l’Anima Universale) sotto forma di fuoco (amore divino) viene a fecondare l’anima ed il cuore dell’essere umano e nasce il figlio. La stalla e la mangiatoia rappresentano le povertà dell’anima e le difficoltà che l’uomo incontra per raggiungere la spiritualità. E che cos’è la stella? È l’uomo stesso. Un pentagramma vivente che deve esistere in duplice forma (ciò che è in alto è come in basso e ciò che è in basso è come ciò che è in alto). Quando l’uomo ha sviluppato in pienezza le cinque virtù (amore, saggezza, verità, giustizia, bontà) un altro pentagramma (la stella luminosa) lo rappresenta sui piani sottili. Quella stella che brillava sopra la stalla rappresenta appunto la luce cristica che ogni essere può far brillare dentro di sé. Anche i grandi capi religiosi (Melchiorre, Baldassarre e Gaspare) sentono che non sono ancora giunti a quel grado di spiritualità che credevano, per cui vanno ad apprendere, ad inchinarsi ed a portare in dono oro, incenso e mirra: l’oro significava che Gesù era re (il colore giallo è il simbolo della saggezza), l’incenso significava che era un sacerdote (l’incenso rappresenta il campo religioso, il cuore e l’amore), la mirra il simbolo dell’immortalità (ci si serviva della mirra per imbalsamare i corpi e per preservarli dalla decomposizione). I Re Magi hanno quindi portato dei doni che hanno un legame con i tre mondi: pensiero, sentimento e corpo fisico. In quella stalla vi erano solo il bue e l’asinello. Perché? La stalla rappresenta il corpo fisico ed il bue, come il toro, anticamente è stato sempre considerato come il principio generativo (in Egitto, per esempio, il bue Apis era il simbolo della fertilità e della fecondità). L’asino, invece, rappresenta la personalità (la natura inferiore dell’uomo). Questi due animali erano là per servire Gesù. Quando l’uomo comincia a compiere su di sé un lavoro per la sua evoluzione, entra in conflitto con la sua personalità e con la sua sensualità. 

L’iniziato è appunto colui che è riuscito a dominare queste due energie ed a metterle a suo servizio, ma non le reprime in quanto sono energie straordinariamente utili se messe all’opera sotto il giusto controllo

Il Natale dunque ci ricorda che il significato dell’esistenza umana è quello di risvegliare il sé inferiore al cospetto dell’anima e ciò avviene, all’inizio, mediante l’arte di vivere. Questo è un processo che comporta prove ed errori (spesso attraverso l’esperienza della sofferenza come illusione che infine conduce verso la verità immanente). Ciò è ottenuto gradualmente tramite un riorientamento dei desideri e, in una fase successiva, l’identificazione con il sé superiore. Sono molti gli individui che consapevolmente orientano la propria vita verso le finalità più alte: alcuni si stanno preparando, altri stanno già operando per raggiungere queste finalità. Sono individui che si sintonizzano sempre più con la propria anima e si allontanano da una realtà personale ed egoistica.
Da Il significato esoterico del Natale 

Cerco degli spunti nelle citazioni  con le quali vado ad incocciare, non per caso ma per necessità (non sottovalutiamo questo aspetto cardine):
  • "Non c'è niente di più triste nel mondo che svegliarsi il giorno di Natale e non essere un bambino" Erma Bombeck (1927-1996), umorista americana
  • "Non è strano che a Natale qualcosa ti faccia rattristare tanto? Non so esattamente cosa ma è qualcosa a cui non dai molta importanza non avendolo provato in altri momenti" Kate Langley Bosher (1865-1932), scrittrice americana
  • "Il Natale, bambini, non è una data. E' uno stato d'animo" Mary Ellen Chase (1887-1973), maestra e scrittrice americana
  • "Onorerò il Natale nel mio cuore e cercherò di tenerlo con me tutto l'anno" Charles Dickens (1812-1870), scrittore inglese
  • "I ricordi di un Natale alla vecchia maniera sono difficili da dimenticare" Hugh Downs (1921), attore americano
La tristezza del giorno di Natale! È vero. C’è anche quell’aspetto, come se avessimo dimenticato qualcosa di bellissimo che succedeva tanto tempo prima. Il fatto di non essere più bambini è solo il frattale di questa tristezza: il post it. Anche i bambini barattano la loro tristezza coi regali, in questo sono ancora avvantaggiati sugli adulti. 

È un vero e proprio stato d’animo in Natale,  una vera e propria dimensione, una finestra su di un altro mondo, certo. 

Quello stato d’animo che riusciamo solo ad intuire ormai ma che, immancabilmente, ci colora un po’ d’amarezza perché non teniamo con noi il “giusto spirito” per tutto l’anno, per sempre, dialogando con l’interezza del nostro Sé e con il nostro Cuore. Tanto che i ricordi di un modo d’essere relativo alla “vecchia maniera” non ci lasciamo mai definitivamente, come il calore del Sole nonostante le nubi più pressanti.

Onoriamo la luce crescente del ciclo stagionale e quella luminosa dell’umanità.

* La splendida fotografia di apertura è stata presa da http://www.flickr.com/photos/jepsss/1258032880/

Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2010 

 

giovedì 23 dicembre 2010

L'apparenza dello HuBit.





Cosa sta sperimentando l’unità d’informazione umana (Human Bit o HuBit / l'unità di misura dell'informazione codificata e strutturata in un sistema corpo-mente-spirito) nel proprio viaggio nel tempo della Creazione? 

Il “Tutto” o l'apparenza del Sè riflesso.

Ciò è dimostrato dal grande numero di umani presenti sul pianeta e da ciò che gli umani sono stati capaci di generare all’insegna della “logica” della biodiversità: un grande numero di sogni individuali e collettivi intessuti nell’arazzo della poliedricità dell’Essere.

Il detto recita: paese che vai, usanze che trovi.

La globalità è per sua Natura collegata da punti in comune, in grado di racchiudere vasti “territori” all’insegna di un’unica “bandiera”, proprio come la presenza immateriale del concetto di Stato. Un reame, un impero, una nazione, una regione, un quartiere, una famiglia, e così via… 

Ma, nella concretezza dei fatti, cosa può essere classificato come "globale" se non l’unico collante della Spiritualità a-religiosa? Ogni tipo di “unione” di cui si è onorato l’uomo, nel corso dei millenni, è direttamente dipesa dalla propria necessità di sopravvivenza di fronte alle avversità dello scenario 3D che lo ha ricevuto. Ogni unione umana è una necessità primaria. Ogni unione umana dipende da istinti antichi di preservazione della Specie. 

Questo tipo di unione risponde al richiamo dei campi morfologici che guidano, come un raggio traente, l’evoluzione dell’esperienza in Terra. 

Step by step ci avviciniamo, tuttavia, ad un tipo diverso di unione, molto simile a quella grande orchestrazione sinfonica che è racchiusa entro la nostra fisicità. Mi riferisco a quella strutturazione cellulare che ci scolpisce periodicamente nel reame delle 3D, sottintendendo al volere impresso nelle memorie e nell’intelligenza di ogni microstruttura organica e nel sistema di corpi sottili da cui "fuoriusciamo", come una sorta di Matrioska

È nel nostro Dna ridefinirci ad ogni istante: cambiamo ad ogni istante.

Stiamo parlando di una unione invisibile di interi “mondi” per permettere ad un singola entità umana di “vivere”. Da questa funzionalità intrinseca deriva il nostro “senso di protagonismo”: il nostro Ego.

È come essere al comando di un potente mezzo che è stato affidato proprio al singolo individuo. Il primo aspetto da superare, per imparare a guidarlo al meglio, è proprio superare quel senso di protagonismo reo di mantenere l’entità ferma a farsi scattare fotografie in piedi sulla cappotta del veicolo, sorridendo e gonfiando il petto d’orgoglio… Godendo della fama, della stima, del senso delle aspettative… Senza mai in realtà partire.

La linea di “frontiera” dell’esperienza umana è ampliata ogni giorno, proprio dal grande numero di umani presenti. E non mi riferisco solo all’esperienza in Terra…

Cosa sappiamo di un organismo che, per effetto della globalità planetaria nascente, viene trasportato dal proprio “mondo” in un altro? Nulla, se non quello che impariamo attimo dopo attimo, anche a scapito di grossi errori e drammi. 

In questo senso trascendiamo l’impulso originario di sopravvivenza della specie, ritenuta altrui, quando prendiamo un organismo vivente in un Continente, perfettamente adattato, e lo forziamo, per vari motivi, a trasferirsi in un altro Continente. Un esempio? Eccolo: 

La Stella di Natale: bella colorata e minacciosa.
Effetti collaterali del Natale: prurito, bruciore agli occhi, alla bocca e alla faringe, eritema. E ancora: nausea, vomito, diarrea, perdita di coscienza. Soggetti più a rischio: bambini e cani. Come può la più docile delle festività avere effetti tanto nocivi sul corpo umano?
Il colpevole in questi casi va cercato tra le mura domestiche, ma non è il maggiordomo, come quando si gioca a Cluedo. Dovete guardare alle sue spalle: quell’innocua, colorata, immancabile Stella di Natale che ogni Natale abbellisce nel nostre case e che, a dispetto del nome e del periodo dell’anno, ha origini tropicali. La sua provenienza infatti è l'America Centrale. E’ una tipica pianta ornamentale di alcune regioni del Messico, per esempio. In Europa arriva però carica di colori squillanti e cattive intenzioni.

L’Euforbia pulcherrima, questo il suo nome scientifico, può essere tossica

La colpa è di una cosa chiamata triperpene, una sostanza contenuta nel fusto e nelle foglie. Fa male se ingerita o anche solo toccata. Certo, per sprigionare i suoi nefasti effetti, deve prima essere estratta dalla pianta. E qui entrano in gioco cani e bambini. Non sarebbe certo la prima volta che assaliti dalla febbrile curiosità di sapere 'cosa c’è dentro' o solo per attirare la vostra attenzione, sfasciano oggetti di ogni valore e provenienza.
Ma a differenza di quella preziosa anfora che conservavate come ricordo imperituro di un viaggio in Mali, la Stella di Natale sa come difendersi. Quindi, il consiglio per risparmiarsi questo fastidioso effetto collaterale delle sante feste è mettere la vostra Euphorbia pulcherrima fuori dalla portata di dita curiosa e fauci spalancate delle bestiole di ogni specie che avete in casa.
Ora che abbiamo capito come neutralizzarla, passiamo al come averne cura. Tenetela tra i 14 e i 22 gradi: anche se fiorisce d’inverno, è pur sempre una pianta tropicale. Per dare il meglio di sé, è però meglio tenerla al buio per gran parte della giornata (è tra le piante brevidiurne, motivo per cui fiorisce nei mesi invernali). Il massimo di ore di luce che può sopportare ogni giorno è otto. Cercate anche di risparmiarle troppa luce artificiale: non la gradisce.
Da Yahoo

I motivi di questo trasloco forzato risiedono esclusivamente nella sete commerciale umana, nel parallelismo dei festeggiamenti del Natale e di un pensiero colorato da regalare: come sono belle quelle foglie rosse, in tinta con le tende e gli orpelli che invadono gli ambienti domestici, vero?

Quella pianta è un essere vivente, non è stata prodotta in una fabbrica cinese. Quella pianta non ci urlerà in faccia che la stiamo uccidendo, che la stiamo perlomeno maltrattando. No. Il senso della nostra azione risiede nella mancanza di consapevolezza che l’intero ecosistema è vivo. Riusciamo a mettere cartelli di “non calpestare le aiuole” solo perché l’occhio deve poter godere di un manto verde perfetto, così come nella scelta di un frutto al supermercato, cerchiamo quello magicamente levigato, luminoso, senza ammaccature o gibbosità. Non importa se poi gustandolo, al primo boccone finisce nella spazzatura.

Nella società dell’apparenza è l’apparenza che domina.

“L’opera (il ‘Dottor Faust’ di J.W.Goethe) ha in sé tutti i requisiti per potersi addentrare con fiducia nella riflessione proposta, perché come sappiamo, narra le vicissitudini di un uomo che per amore del sapere, sperimenta di persona ogni bassezza umana, arrivando al punto di sacrificare la propria Anima pur di raggiungere lo scopo finale.
Alle comuni menti può sembrare sacrilego meditare sul Santo Natale partendo dal corrotto personaggio del Faust, ma questo, è solo ciò che appare”.
Da Piccola riflessione sul significato Esoterico del Natale Cristiano e la venuta o rinascita del nuovo "Uomo" di Sergio De Ruggiero

Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro

 

mercoledì 22 dicembre 2010

Dal Bit al QuBit all'unità d'informazione umana.





Gran parte delle persone forse sapranno che cosa è un Bit, ma oggigiorno è utile conoscere ed integrare, in termini di consapevolezza, l’espansione del Bit in un qualcosa di  molto più “completo”, ossia un QuBit.

Qubit, contrazione di quantum bit, è il termine coniato da Benjamin Schumacher per indicare il bit quantistico ovvero l'unità di informazione quantistica. Per definire il qubit è indispensabile introdurre innanzi tutto un concetto nuovo ovvero il quanto di informazione. Con quanto di informazione si intende la più piccola porzione in cui una qualsiasi informazione codificata può essere scomposta ed è quindi l'unità di misura dell'informazione codificata.

Così come il bit è il quanto di informazione della computazione classica, la computazione quantistica si basa su un concetto analogo: il quantum bit.

Al pari del bit, il qubit è un oggetto matematico con determinate specifiche proprietà. Il vantaggio nel trattare i qubit come entità astratte risiede nella libertà di costruire una teoria generale della computazione quantistica che non dipende dagli specifici sistemi utilizzati per la sua realizzazione…
Per comprendere la computazione quantistica e, in particolare, il concetto di qubit non è necessario studiare la meccanica quantistica”.
Da Wikipedia

Che cosa c’è di tanto meraviglioso nel mondo dei Quanti? Quasi tutto, oserei dire. È un mondo dove il comportamento delle componenti dipende anche dall’Osservatore, innanzitutto. Un mondo che definire “magico” non è un eresia, così come  è magico accendere la luce elettrica di casa o usare il telecomando della Tv

È il mondo che, se compreso con consapevolezza, può autorizzare a “leggere” il mondo 3D “denso”, ossia la nostra realtà individuale e collettiva, in maniera diametralmente diversa.

Ciò in cui non crediamo più, secondo “logica” convenzionale inerente al concetto di “gregge”, torna prepotentemente in auge capendo il mondo invisibile della quantistica.

Un mondo nel quale succede anche questo:
  • Paradossalmente ci sono un numero infinito di combinazioni lineari della base ortonormale così da permettere, almeno in linea di principio, la rappresentazione in un unico qubit di tutto lo scibile umano.
  • La capacità di un qubit di essere in uno stato di sovrapposizione che non possiamo nemmeno misurare va contro il nostro buon senso: il bit classico è come una moneta che, una volta lanciata, cadrà a terra mostrando inesorabilmente una delle due facce mentre il qubit può essere immaginato come una moneta che, una volta lanciata, cadrà a terra continuando a ruotare su sé stessa senza arrestarsi fino a che qualcuno non la schiacci con una mano bloccandone la rotazione e obbligandola finalmente a mostrare una delle sue facce.

Notiamo come, nello scenario 3D, per spiegare un concetto quantistico occorra ricorrere ad una terminologia perlomeno “equivoca”, appunto come nei due passi sopraesposti:
  • paradossalmente
  • contro il nostro buon senso
Cosa significa ciò? Che occorre mutare il nostro modo di pensare e di osservare gli eventi. Queste nozioni appena riportate sono ufficialmente riconosciute dalla scienza: esse costituiscono una verità comune

Non si sta narrando di leggende o favole, ma di realtà scientifiche appurate.

Questa verità, che scorre sotto la linea di confine del visibile, determina a catena tutta una serie di conseguenze molto evidenti. Una serie di fatti “reali”, figli di nessuno, secondo il consueto modo di vivere. 

Le leggi fisiche vengono chiamate in causa da quelle quantistiche, le quali rimangono inquadrate in un piano non percepibile ma direttamente responsabile degli eventi.

Le leggi fisiche “vivono” come di luce riflessa, come dei capri espiatori della Creazione.

Quando la mente si abitua alle leggi fisiche, il corpo diventa la mente e, dunque, si condensa nelle leggi fisiche…

Da tutto ciò è facile comprendere che la “caduta” è determinata dalla minore vibrazione della nostra energia che sboccia letteralmente nel “mondo nuovo” della densità 3D. È facile comprendere anche il disegno che sottintende la “caduta”: eseguire una esplorazione volontaria del “nuovo mondo”, dello scenario 3D.

"Perdersi" per infine ritrovarsi. Che avventura meravigliosa…

“Tuttavia la natura continua dello stato del qubit (che permette l'esistenza degli stati di sovrapposizione) non è l'unica caratteristica distintiva del qubit rispetto al cugino classico.
Nel pieno rispetto delle leggi della meccanica quantistica, una combinazione di più qubit è soggetta ad una caratteristica chiamata entanglement.
Il termine inglese letteralmente significa ingarbugliamento, intreccio.
Ma una buona interpretazione potrebbe essere legatura infatti, in condizione di entanglement, due qubit perdono la loro natura individuale per assumerne una unica di coppia. In tale condizione lo stato di un qubit influenza lo stato dell'altro e viceversa”.
Da Wikipedia

Si intuisce la Natura unitaria del Tutto, nelle caratteristiche stesse dell’unità di base dell’informazione Quantistica. 

Il QuBit è un frattale dell’Unità per eccezione: quella del Creatore.

Questa interattività deve comunque fare pensare, perché ciò che “facciamo” nello scenario 3D confluisce direttamente nel Creatore, il quale “dipende”, in questo modo, dalle nostre esistenze

La Religione è un fattore sequenziale, monodimensionale, a sé stante, un frattale “povero” e smunto, che autorizza a prendere in considerazione il suo livello maggiore, ossia la presenza di una “intelligenza” infinita che riempie ogni singola particella di “informazione” sia sopra che sotto al livello della percettibilità attraverso lo stato dei sensi umani attuali.

“L'unico modo sinora individuato per fornire una efficace rappresentazione geometrica di un qubit, consiste nella cosiddetta Sfera di Bloch 

Dunque un qubit può essere rappresentato come punto sulla superficie di una sfera di raggio unitario”.Da Wikipedia


Ecco a cosa "assomigliamo", in quanto unità di informazione unitarie della Creazione:
  • ognuno di noi è un frattale del QuBit
  • ognuno di noi è dislocato sulla sfera terrestre
  • ognuno di noi è intento a fare esperienza
  • ognuno di noi è capace inconsciamente di comunicare con la Sorgente
Il genere umano, si può dire, che sia formato da miliardi di unità di informazione Bit e QuBit. Ogni persona è una unità ricetrasmittente, capace di sondare e riferire alla “base” l’esito delle proprie analisi vicissitudinali in Terra.

Troppo sminuente? Non penso. Visto che il ruolo centrale dell’essere umano non viene minimante intaccato da questa visione d’insieme.

La tradizione spirituale tramandata si innesta magnificamente in questa visione massiva: cosa sarà mai, allora, il Karma se non un programma senziente in grado di mantenere una linea di continuità nel corso dell’esplorazione umana nello scenario 3D?

La vision alla Matrix o alla Wingmakers, di “spiritualità tecnologica” ha un senso molto ben radicato nella “verità”.

E non è mai finita, a voler approfondire, infatti:  

Il Qutrit è l'unità di informazione quantistica, l'equivalente del trit. Un Qutrit può assumere la sovrapposizione dei 3 stati del Trit 0, 1 e 2. Si realizzano praticamente tramite la correlazione di due fotoni”
Da Wikipedia

Cosa sarà mai il Trit, allora?

Trit:
[per analogia con bit] - Una cifra di 3 bit; la quantità di informazioni trasportata da una scelta fra uno di tre risultati ugualmente probabili. Trits si trovano, ad esempio, nel contesto di una flag che potrebbe realmente assumere uno di tre valori - quali sì, no, o sconosciuto. I trits a volte sono chiamati scherzosamente bits a 3 stati. Un trit può essere riferito per gioco a come un bit e mezzo, anche se è matematicamente equivalente a 1.5849625 bit.
Da http://jhanc.altervista.org/jargon/T/trit.html

Cosa è una Flag?

Flag:
[molto diffuso] Una variabile o quantità che può assumere uno dei due valori; un bit, in particolare uno usato per indicare una delle due conseguenze o viene usato per controllare quale delle due cose viene fatta. “Questo flag controlla se pulire lo schermo o meno prima di visualizzare il messaggio.” “Il programma di stato delle parole contiene svariati bit di flag.” Usato sugli umani analogamente a bit.
 
Detto questo, passiamo alla notizia:

Realizzata la prima macchina quantistica.
Secondo la rivista Science è la scoperta scientifica dell'anno: stiamo parlando della macchina quantistica, il primo dispositivo al mondo realizzato dall'uomo che non si comporta secondo le leggi della fisica tradizionale, ma secondo quelle che regolano il comportamento di molecole, atomi e particelle subatomiche.
Secondo questa disciplina un corpo molto piccolo può assorbire energia solo in quantità discrete, non può mai essere completamente immobile e può essere in due posti contemporaneamente. Queste teorie sono state più volte verificate su particelle di luce, fasci di elettroni e anche atomi di elio allo stato liquido, ma nessuno le aveva mai sperimentate su un dispositivo meccanico abbastanza grande da essere visibile a occhio nudo.
Lo hanno fatto Andrew Cleland e John Martinis, fisici dell’ Università della California Santa Barbara che hanno modificato una piccola lastra di alluminio delle dimensioni di un capello ottenendo un materiale piezoelettrico, capace cioè di cambiare forma diventando più spesso o più sottile quando viene esposto a stimoli elettrici. Hanno poi collegato il tutto con un semiconduttore chiamato quibit di fase, un dispositivo che può avere due livelli possibili di energia quantistica, uno basso e uno alto.
Grazie a un apparato a microonde i fisici sono riusciti a trasferire dei quanti di energia dal qubit alla lastra di alluminio e viceversa: hanno raffreddato l'apparato a temperature vicine allo zero assoluto portandolo al più basso livello di energia possibile, poi hanno eccitato elettricamente il qubit e hanno trasferito un singolo quanto di energia all'oscillatore. La lastra di alluminio ha iniziato così a muoversi con vibrazioni che i fisici hanno chiamato "vibrazioni quantiche".
La cosa più singolare è che data la natura quantistica del dispositivo, nello stesso istante lo si può vedere fermo e in movimento a seconda del sistema di misurazione che di prende in considerazione.
Questa ricerca, che apparentemente sembra al confine tra la scienza e la filosofia, apre la strada a una nuova generazione di esperimenti finalizzati a testare le teorie quantistiche nel mondo sensibile. Perché un quanto può essere in due posti contemporaneamente mentre un’automobile o un cavallo non possono?
Per trovare una risposta a questa domanda gli scienziati stanno lavorando alla costruzione di due laser (il Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory, di Livingston, Louisiana, e Hanford, Washington) che dovrebbero riuscire a raffreddare corpi molto grandi fino al loro stato di energia minimo, così da permettere esperimenti quantistici su oggetti molto grandi.
Da Yahoo

La macchina esiste ufficialmente adesso e chissà la “ricerca non ufficiale” dove già si sarà spinta. Il genere umano “gregge” dovrà presto prendere in considerazione questo mondo dal quale si sviscera la realtà. Un mondo “agganciato” usualmente per co creare, ma “mal compreso”, anzi: dimenticato.

Termino inserendo 3 news rilevanti. Le cito perché sono “quantisticamente” collegate. Esse descrivono:
  • il futuro che torna al passato (ricordo che Sitchin nel “Libro perduto del Dio Enki” dichiarava che gli Annunaki avevano già una base intermedia sul pianeta Marte. Nel corso della notizia è chiaramente riportato che sul pianeta rosso c'è acqua in abbondanza)
  • il presente che sfocia da un passato da trasmutare (nel libro delle “Profezie di Papa Giovanni XXIII” ci sono delle oscure allusioni al potere dei Kennedy)
  • il futuro annunciato nel presente in qualità di “alternativa” (come avevo ben supposto, Assange ha fatto quello che doveva fare, ossia creare l’alternativa. Ora può vivere di “rendita” senza per questo essere giudicato da nessuno)
Nasa, missione senza ritorno su Marte: una colonia per salvare l'uomo in caso di catastrofi.
HUNDRED YEAR STARSHIP - Un progetto spaziale di sola andata verso l’universo. Si chiama 'Hundred Year Starship', l’astronave dei cento anni ed è stato messo a punto con la Darpa, la Defense Advanced Reasarch Projects Agency. Simon Pete Worden, direttore del centro di ricerche Ames della Nasa spiega che lo scopo del programma è orientato a rendere ospitali altri mondi. 

La particolarità del progetto è una: creare una colonia permanente su Marte: chi prenderà parte alla spedizione non farà più ritorno a casa. 

I 'coloni', una volta giunti sul pianeta rosso, lo dovranno rendere abitale, creando risorse d’acqua e di cibo e quindi renderlo una sorta di base spaziale da dove in futuro partire per colonizzare altri pianeti e mondi lontani.
ANDATA SENZA RITORNO - Pura fantascienza? Mica tanto, perché alla Nasa si dicono convinti di spedire i coloni su Marte già nel 2030, tanto che hanno cominciato a reclutare psicologi che testino i candidati, gente che deve essere ben consapevole in che condizioni andrà a vivere e soprattutto che non rivedranno più parenti e pianeta Terra. Il fatto è che gli scienziati spaziali hanno realizzato che la maggior parte dei costi delle missioni spaziali è quella relativa al ritorno a casa: facendo un viaggio di sola andata si risparmierà un bel po’. Dirk Schulze e Paul Davies due scienziati esperti sull’argomento missioni spaziali, hanno spiegato in un articolo uscito in questi giorni sul - Journal of Cosmology - che i motivi dietro il successo di una tale spedizione sono essenzialmente due: "La maggior parte delle spese - scrivono - sono quelle del ritorno sani e salvi da una missione spaziale e l’atterraggio della navicella". Lasciare poi le persone su Marte, aggiungono "consente di realizzare una colonizzazione a lungo termine ben differente dai un viaggio andata e ritorno".
VITA SU MARTE? - È possibile vivere su Marte? Simon Worden risponde così: "Non ho la più pallida idea se si possa vivere su Marte". Worden ha una visione radicale del futuro: "Credo che invece che cercare di replicare il modus vivendi del nostro pianeta, dobbiamo inventarcene uno del tutto nuovo. La biologia sintetica offre delle strada, ad esempio. Dobbiamo pensare a modificare la vita, compreso il genoma umano, in modo che possa adattarsi a Marte". Secondo alcuni studi effettuati, il costo di mandare su Marte andata e quindi ritorno 20 astronauti equivale a quello di mandare quattro solo andata. Ma si troveranno quattro persone convinte di passare il resto della loro vita su Marte? Secondo gli studiosi sì. L’importante è ritrovare lo spirito che animò Cristoforo Colombo e i grandi esploratori e scopritori dei continenti, secoli fa.
MARTE RIFUGIO DALLE CATASTROFI TERRESTRI - Per Schulze e Davies, colonizzare Marte ha molti punti di interesse per gli uomini. Avere una base permanente e abitabile sul pianeta, sarebbe un autentico rifugio per la razza umana in caso di catastrofi tali che obbligassero ad abbandonare il nostro pianeta madre

Marte poi offre condizioni di vita accettabili perché è simile alla Terra: possiede una forza di gravità moderata, atmosfera, acqua abbondante e carbon diossido insieme a un vasto gruppi di minerali. Dopo Venere, è il pianeta più vicino alla Terra e un viaggio verso di lui dura circa sei mesi. Dove vivranno i primi colonizzatori? Secondo Schulze e Davies, inizialmente ci sarà bisogno di caverne o comunque posti riparati
Da Yahoo

Finita l'era dei Kennedy negli Usa
Per la prima volta dal 1947 nessun membro della famiglia Kennedy siederà nel parlamento americano. All'inizio del 2011, con il nuovo insediamento, lascerà il suo scranno Patrick J.Kennedy, 43 anni, che tornerà a Rhode Island, nella sua fattoria appena ristrutturata. Proprio 63 anni fa il giovane John Fitzgerald Kennedy, proveniente dal Massachusetts, futuro presidente degli Stati Uniti, divenne parlamentare.
Quando il padre di Patrick, il senatore Edward M. Kennedy, morì più di un anno fa, rimase soltanto il figlio a svolgere attività politica ad alto livello. 

Ora, invece, pare che nessun altro della famiglia abbia intenzione di dedicarsi a tale carriera

Un brusco risveglio per molti cittadini. Come osserva Darrell M. West, studioso al Brookings Institution, la famiglia Kennedy un tempo aveva la presidenza e due seggi al senato, mentre ora l'unica presenza è quella di Bobby Shriver, che ha terminato da poco il suo mandato di sindaco a Santa Monica, California, e siede ancora nel consiglio municipale. Una caduta per certi versi drammatica
In una recente intervista Patrick Kennedy appariva combattuto tra due desideri: da un lato, ritirarsi a vita privata; dall'altro continuare, da privato cittadino, a riempire quelle che egli chiamava le enormi scarpe di suo padre e degli zii. Egli spiegava che l'eredità familiare non riguardava unicamente il servizio di governo, ma la consapevolezza di restituire l'America agli americani.

Di fatto, fu la politica a fare della dinastia Kennedy una sorta di famiglia reale, nelle cui mani era concentrato un potere che durò generazioni

Non solo: le vicende della famiglia fecero discutere e commossero tante persone. Dall'assassinio di Jonh Kennedy nel 1963 a quello successivo del fratello Robert; dall'incidente automobilistico del 1969 capitato a Edward, che uccise la sua assistente Mary Jo Kopechne, allo schianto aereo di undici anni fa che costò la vita a John F. Kennedy Jr. Secondo Ross K. Baker, professore di scienze politiche all'università Rutgers, non è questione di sopravvivenza della repubblica ma, per le persone la cui memoria si spinge fino agli esordi della saga familiare, i Kennedy rappresentavano una linea di continuità importante, specialmente negli ultimi tempi, quando la lotta politica si è fatta più dura e le contrapposizioni più forti.
Da Yahoo

WikiLeaks, Assange pubblicherà le sue memorie.
Il quotidiano, uno di quelli a cui WikiLeaks ha fornito alcuni dei documenti segreti diffusi recentemente, dice che Assange avrebbe venduto le memorie a Canongate in Gran Bretagna e negli Stati Uniti a Knopf di Random House, di cui è proprietaria Bertelsmann AG.
Assange è un esperto informatico che ha fatto infuriare gli Stati Uniti diffondendo dispacci diplomatici sul proprio sito web e in collaborazione con media di tutto il mondo.
Il 39enne australiano è stato scarcerato su cauzione e si trova ai domiciliari nella campagna inglese, ed è impegnato a battersi contro l'estradizione in Svezia, dove è accusato di reati sessuali.
Da Yahoo

Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2010